.

.

.

.

....

....

POTENDO SCEGLIERE , PREFERIRESTE :

NEI FILM , LA NUDITÁ È UM ELEMENTO IMPORTANTE ?

giovedì 14 settembre 2017

CORPO ED IDENTITÁ .










Se siete riusciti a seguirmi - e l'apparente mancanza di " Sesso " degli ultimi Post non v'ha deluso o allontanati -  é giunto il momento d'affrontare argomenti che possano rivelarsi utili nella vostra quotidianitá .
So che non saranno le mie esperienze , né i miei consigli , a migliorarvi la vita , ma ho la sensazione che , svelandovi qui i miei errori esistenziali , si possa generare un benefico effetto per tutti voi .
Io sono una ragazza normalissima , dotata d'un corpo moderatamente attraente , e d'una mente capace d'osservare e dedurre .
Non ho avuto un'infanzia difficile , traumatica .
Sono - peró - cresciuta in un ambiente impregnato di valori materialistici .
Mi sono trovata presto a contatto con situazioni determinate dal bisogno di soddisfare il proprio Egoismo .
Ho conosciuto e frequentato molte persone che identificano la felicitá con l'acquisizione di beni materiali , o la realizzazione di progetti personali .
Dopo un iniziale smarrimento ( durato fino ad un paio d'anni fa' ) , sta nascendo in me una consapevolezza differente , sto imbracciando una filosofia , che mi sta portando lontana dai miti del consumismo .
Questa trasformazione deriva direttamente da alcune osservazioni elementari .
Vedo che il male principale della nostra societá é costituito dall'attaccamento che proviamo per gli oggetti .
Il nostro Ego tende ad identificarsi con quello che possediamo .
Oppure si mimetizza , finge di rifiutare la logica dei consumi , ma pretende altre forme di gratificazione .
Diventiamo cosí schiavi d'una agenda che c'impone mete ben precise , spesso fuori della nostra portata reale .
Siamo quello che realizziamo , il frutto dei nostri pensieri .
Non ci soddisfiamo mai , ricerchiamo sempre altro , provocandoci frustrazioni , ansia , sofferenze e , spesso , conducendoci alla depressione .
Inoltre , per procurarci sempre di piú , finiamo per pestare i piedi a coloro che ci troviamo accanto , e con i quali dobbiamo competere per gli stessi obiettivi .
Ne nascono incomprensioni , gelosie , tradimenti e vendette .
La discordia puó degenerare fino a provocare guerre , stermini e persecuzioni , anche catastrofi ecologiche .
Ecco perché , ora , io giro alla larga dai meccanismi perversi , di cui é imbevuto il nostro ambiente .
Vengo considerata " differente " , un po' pazza ed un po' incomprensibile .
Molti non credono che io esista veramente , oppure pensano che sia una grande mistificatrice , che somministra una pozione , senza averla neppure assaggiata .
Non m'importa affatto di queste opinioni .
Ma devo riconoscere a me stessa di essere ancora molto lontana dalla Veritá .
Ho solo iniziato un processo che si preannuncia lungo e complesso .
Impedisco al mio Ego di identificarsi con simboli dell'opulenza e del benessere , non spendo piú migliaia di Euro in Boutique rinomate , utilizzo quelle risorse per fini caritatevoli .
Ma , invece d'acquisire completa coscienza di quello che sono , ho soltanto trasferito la mia identitá altrove .
Ora é il MIO CORPO il centro dell'attenzione .
« È normale ! » - direte voi .
Indiscutibilmente , é proprio l'apparenza fisica a permettere di relazionarsi su questa Terra .
Non siamo puri spiriti , né cloni indistinguibili .
Dato che le sembianze femminili non corrispondono a quelle maschili , crediamo d'interpretare che il ruolo della donna , e quello dell'uomo , costituiscano un concetto basico di diversitá .
Cosí il sesso si trasforma in identitá .
La societá c'incoraggia , fin dall'infanzia , a diversificare i comportamenti a seconda del nostro genere , in ogni momento dell'esistenza , non soltanto nella sessualitá .
La vita assume significato , se ci realizziamo secondo l'identitá imposta dal nostro sesso .
Fortunatamente il progresso sta sfumando i contorni di questo paradosso .
Anche se in molte nazioni del Terzo-Mondo non si notano ancora segni d'apertura , tra noi Occidentali , per una donna essere single , o sterile , non rappresenta piú una disgrazia insormontabile .
Ma abbiamo introdotto altri miti pericolosi .
Adesso ci immoliamo sull'altare della forza , forma e benessere fisico ..
Sicuramente ci sono componenti commerciali che incentivano ad investire molto nel nostro aspetto estetico .
Fanno leva - peró - su sentimenti che sembrano nascere spontaneamente dentro di noi .
Crediamo che l'auto-stima corrisponda al modo d'apparire agli altri .
Se ci vediamo brutte e grasse , dobbiamo esserlo - poco importa l'obiettivitá .
Invece di riprogrammarci , accettandoci come siamo , soffriamo enormemente , se non possiamo cambiare gli attributi del nostro corpo .
Non so quando si siano registrati i primi casi di Anoressia , ma , indubbiamente,  é negli ultimi decenni che questa malattia si sta propagando .
La sua diffusione corrisponde ad un processo progressivo d'identificazione con la mente , una disfunzione egoica , di cui soffriamo un po' tutti .
Conosco ragazze che hanno un'idea di sé molto confusa .
Distorcono totalmente la realtá , sostituendo alla loro propria immagine un concetto mentale , che mai le soddisferá .
Se equipariamo la parte fisica con l'identitá , costruiamo la nostra rovina .
Non appena il corpo si degrederá , anche solo un pochino , con il passare del tempo o per qualche malattia , la nostra percezione sará negativa e le conseguenze nefaste .
Per favore , cerchiamo di acquisire la coscienza di chi siamo .





Nessun commento: