martedì 2 marzo 2021

ASSOLI PENETRANTI TRAGHETTANO INQUIETUDINE












Assoli penetranti traghettano inquietudine, sui battelli delle lusinghe, ed intrattengono languori eccedenti, fughe e sommosse, fremiti capaci d'eccedere le aspettative di smanie sedotte. 
Sopiscono l'intraprendenza di marginalitá scostanti, condividono l'ispirazione astrale che sistema l'ordine di elementi furtivi, scandagliano l'eco di sinuose sillabe pronunciate con ostile arroganza.
Nel contesto levigato, che rivaleggia con torsioni di tristezza ed approcci rabbuiati, scandiscono emotivitá variopinte, soppesano sembianze voluminose, rapiscono sogni cangianti, per depositarli sull'altare dei misteri mancati, invaghendo sonoritá altere e decadenze sfibrate. 




martedì 23 febbraio 2021

RICALCANO FEDELMENTE ORIZZONTI ESAUSTI









Ricalcano fedelmente orizzonti che s'adagiano come confini esausti, in attesa d'essere elevati e rimossi dalla movenze riverberanti di consuetudini plasmate.
Distillano indifferenza dal ghiaccio che riveste la pelle di tamburi manomessi, ed interrogano gli attimi con stropiccianti sillabe, allineate in estroso banchetto.
Emanano radiositá offuscate, saggiano scompigli eloquenti, intingono dardi in viscere selvagge per avvicinarsi all'epilogo smisurato che, nel volo di battiti serrati, ritrova la misura di sequenze esistenziali.
Adottano complici incongruenze alla ricerca di morselli imbellettati, cristallizzano ruvide miscele che la ferinitá coltiva ed evidenzia, lasciano al vortice dei venti il compito d'addolcire la salinitá dei sensi.





giovedì 18 febbraio 2021

DISCINTI VAGITI DEL VORTICOSO GIROTONDO D'ATMOSFERE










Sembianze vaporose, discinti vagiti emessi dal vorticoso girotondo d'atmosfere aggrovigliate, mitigano occhiate clandestine, infrangono vocaleggi di cataste d'emozioni, scalciano subdoli intrallazzi di risacche adulatrici, intrattengono in silenzio il buio della luna, assottigliandosi, socchiudono fenditure, evaporano rapaci interferenze e detriti dissonanti,
Si dilettano a ruminare infiorescenze scolorite, fluidificano enfasi del limbo.
Elettrizzano intonazioni polpose, disorientano il gioco di che circuisce riflessi effervescenti, sgargianti istintivitá e raffinate tentazioni.



 

lunedì 15 febbraio 2021

MOLECOLE EMOTIVE CHE CONGESTIONANO










Le molecole emotive che congestionano l'eloquenza d'istanti imbellettati di umore irriverente, si distillano dal chiarone d'organza stellare e d'occhiate appartate.
Precipitano in valli di impasti passionali, soffiano cadenze sfrontate in fragili soliloqui, forniscono ristoro laddove soggiornano fraudolenti connubi, imprimono riflessi, inventandoli nella mente di chi s'assopisce al ritmo d'accordi sdolcinati.
Camuffano vertigini e sottintesi intemperanti, con versi suadenti frammentano movenze d'energie dispiegate sul tracciato di pensieri propedeutici.
Nell'arcaico abbraccio di miraggi muschiati, rannicchiano malinconie avvolgenti e screzi prigionieri delle lacrime provocate dal virtuosismo che accompagna l'orma impressa nella neve. 








venerdì 12 febbraio 2021

S'INGARBUGLIANO IN VASTITÁ INDEFINITE










S'imgarbugliano in vastitá indefinite, i segmenti irrefrenabili, esaltati da asimmetriche follie.
Complici le volteggianti risonanze, levigano asperitá di sequenze vistose, impregnando sguardi avvolgenti. e strofinando brividi dove s'inerpicano gemiti intarsiati d'emozioni cruciali.
Percuotono enfasi pungenti, intensi frantumi di lucida immaturitá, cardano lamenti.
Fluttuano virtuosismi riducendoli a mulinanti sinergie di spregiudicati pigmenti.
Aldilá d'intrattenimenti passeggeri, convogliano sensazioni inquiete, ansimano gestualitá arruffate, per dissipare nebbie, silenzi accovacciati e labbra che si cercano sul filo metallico che delimita siccitá naufragate nell'oblio.





martedì 9 febbraio 2021

SU GIBBOSITÀ AMMICCANTI E MENZOGNERE









Su gibbositá ammiccanti e menzognere, l'artificio d'un fotogramma riflette miraggi ardenti. mentre battibecchi memorabili s'ncamminano sul sentiero dei teoremi.
Sui mattoni della vita approdano, allora, lune camuffate, tentazioni insulse, riflessi di colori indisciplinati.
Trangugiano diluiti sapori, che, virgulti d'imprudenza, alimentano, contornando attimi sospesi.
Si divertono a scandire ibridi artifici, a tirare la fune sottile che emerge dal tracimare delle emozioni, a sconcertare il manto di passioni indefinibili, a rincorrere i passi dell'infinito.  





sabato 6 febbraio 2021

TACITURNE INTERFERENZE.








Se taciturne interferenze annodano, volteggiando, battiti di accalorate densitá e solitarie vertigini, penombre disconstanti trapelano per ritagliare incantesimi, e rubare malinconia ai respiri della notte.
Tratteggiano memorie complici, plagiando interferenze e spasimi che conturbano bollori estenuanti.
Tendono agguati a rarefatte circonvoluzioni di pensiero, incoraggiano impazienti sfumature che departano dal ritmico battito di emozioni sconfinate. 
Traboccano d'illusioni incontrastate, su percezioni soffici depositano il soffio incalzante di talentosi tumulti e tutta l'ebbrezza d'eccessi accidentati.



martedì 26 gennaio 2021

INABISSANO EMOZIONI FRANTUMATE







Ritmi incessanti, parossistici, inabissano illusioni evadenti, ingorgano crateri passionali in cerca di sfoghi mimetici, smuovono espressioni plagiate dai fremiti del destino.
Rivivono l'esito di emozioni frantumate, di segrete implosioni dedite a ribaltare intensitá tardive ed agguati di elucubrazioni rantolanti.
Strusciano su remore ancestrali, ruvide come sfacciati bassorilievi al cospetto di prioritá coriacee.
Fissano paradigmi in porzioni di materia areata, percepiscono anche tenue intonazioni, se rimuovono l'ingordigia del cammino che si snoda dalla terra al cielo.




giovedì 21 gennaio 2021

PREZIOSITÀ MADIDE DI UMORI CELESTIALI









Se elogi sfilacciati d'usanze dondolanti impregnano la cadenza stanca di dinamicitá represse, sull'orizzonte intriso di vaporose nostalgie si stagliano coriandoli inafferabili e sfumature fraganti.
Si nascondono dietro un promontorio digrignato dai venti, intrattengono ed assordano il tepore di scorribande in miniatura, ne smorzano il disagio discorrendo all'ombra di rituali apatici.
Sul bordo di esordi emotivi cesellano lontananze silenziose.
Sfumano irriguardose sagome, tramutano palpiti ancestrali in pulsioni d'infinitá tremula, accorciando fessure che, nella bolgia efferata, departono da rifiuti allibiti e disperdono pregiudizi, barattandoli per preziositá madide di umori celestiali. 





venerdì 15 gennaio 2021

SISTEMANO L'INFINITO IN SPASMI DI ENIGMI UNIVERSALI.











Immagini coreografiche si stampano, indelebili, sui mattoni dell'irrazionalitá, raffigurando vischiose sfumature di scarlatti afflati invadenti.
Centellinano sospiri affannati ingrigendoli nell'oblio di pulsioni smaniose, inviandoli nel vuoto, quasi fossero esche aleatorie ed inappropriate.
Enfatizzano alchimie intensamente frizzanti, scalpori agognati e banchetti illusori, forzando cronache allusive a migrare verso lidi ostici ed iridescenti.
Fiaccano flussi di pensieri provenienti da intelligenze anestetizzate da pozioni setose ed avvolgenti, sistemano l'infinito in spasmi di enigmi universali. 



  

giovedì 7 gennaio 2021

SCONQUASSI INTEMPESTIVI E MALCELATI.








Sconquassi intempestivi e malcelati, che affrescano di rinascite momentanee la soglia di consuetudini succinte, spesso arruffano l'armonia di movimenti scaturiti dall'assoluzione di passioni inveterate.
Annacquano intrighi nebbiosi, rivitalizzano occhi specchiati e tenebre ansimanti.
Sfumano la filigrana di motivazioni incoerenti, ne soffocano il mutismo di piombo, sfiancando risalite di polpacci decisi a contrastare pendii intraprendenti.
Verniciano di sfumature insolite l'intonaco dei muri esistenziali, impiegano vapori adolescenti per impiastricciare la sfrontatezza di chi erge tentazioni contro i battibecchi di pensieri sinuosi e scostanti.
Incastonano fotogrammi d'immenso nell'attimo che freme con il vagito delle emozioni.  




venerdì 1 gennaio 2021

CIRCONVALLAZIONI DI AMEBE MASCHERATE








Quando eclettiche ambiguitá frastornano il decorso fluido della ragione, proiezioni d'impeti incoerenti ricoprono ogni allusione che intrighi i giacigli di scalpori frizzanti.
Oltre le soglie del prevedibile approdano, allora, le onde del pensiero innescato da setose effusioni.
Golosamente, disallineate gestualitá voltaggiano, a ritroso, atterrando su palchi scalfiti da sospiri amareggiati e scivolose inconsuetudini.
Incendiano attimi che riverberano movenze fioche, mentre languono nubi di gelo indifferente e s'affievolisce lo sguardo d'addio di chi esita a proclamarsi smisurato.
Immergono sfumature intense nel ribollìo degli eventi, manomettono interrogativi disincantati che stropiccino sillabe fossili cosparse d'allusioni inveterate.
Emanano estrose passioni balenando fremiti scompigliati e, spesso, insinuano nel muschiato labirinto il tepore di sinuositá mordenti, silenziando afflati che sfidano i sibili del vento, scagliando sassi in storie insipide e circonvallazioni di amebe mascherate.



martedì 29 dicembre 2020

VIVIDI INTARSI







Vividi intarsi di maniere, che s'atteggiano ad assecondare smanie imbrattanti, dispiegano tocchi smaniosi, quando le frenesie di momenti perlati assecondano disquisizioni inzuppate di robuste pantomime.
Cosí, battiti di orme speziate invadono oceani prosciugati, infrangono il crepitare di lamentele insistenti e sdolcinate, colmano assenze memorabili, interpretano ruoli variopinti.
Emanano cascami rinverdendo ebbrezze attutite. giocherellando al ritmo di necessitá fatidiche, spigolose quanto diamanti che perforino impervie congiunzioni astrali.
Si proiettano in ricerche esilaranti, scorticano ogni remora che rifiuti la logica d'intensitá sconfinate, stropicciano fiocchi di neve sciolta dall'incedere di mormorii tempestosi.
Nei capogiri d'identitá camuffate, ritrovano l'ardore di parvenze e sobbalzi emozionali. 



lunedì 28 dicembre 2020

COMPLICI CHIAROSCURI





Complici chiaroscuri silenziano spiragli di raziocinio, sfumano languori estenuanti, sfrangiandosi in variegati fremiti d'indomito sapore.
Incalzano sillabe mai pronunciate, affilano percezioni sterili, plasmano proposte incoerenti, mentre rifuggono il soliloquio d'un istante.
Disseminano manciate di pulviscolo cosmico nel buio conturbante, stemperando arcaici idiomi, offuscando, con altezzose nebbie, il movimento oblungo di piú d'una chimera.
Sullo strapiombo di silenzi impigliati, tracciano sentimenti concentrici, calpestano moleste convulsioni, rigenerano rumori acquietanti ed approcci sinuosi.
Sconfinano imponenti in sfumature increspate, ragguagliando suoni emotivi ed insinuando parabole di menti vanesie.



mercoledì 23 dicembre 2020

SINTONIZZANDOCI








Chi si sintonizza col battito delle proprie ali dispiegate al suono della vita libera, raggiunge ed ingloba i tremiti rigogliosi di praterie che scendono a braccia aperte dai cieli sconfinati.

Sbatacchiamo, quindi, occhi increduli per portarli sui gradini della chiesa, pur rischiando di farli incespicare nell'angustia di connessioni stravolte, d'attese tristi ed inaspettate.
Chiniamoci ad accarezzare tutti quei colori che brillano tra gli atomi che s'accoccolano nella culla del bambino appena nato, sfondiamo reti con la forza di versioni intensificate dai sospiri dei polmoni travestiti di coraggio, tra lacrime pennellate d'infinito.



mercoledì 16 dicembre 2020

L'ESPRESSIONE INSINUANTE DI VOCALITÁ RIVELATRICI












Eloquio stridulo di trasparenti allusioni affidate al moto astrale, l'espressione insinuante di vocalitá rivelatrici costituisce assennato nirvana di mugolii flautati, sottigliezze leggiadre come odissee addolcite da invenzioni di labbra soffici.
Tali vibrazioni di plasma scandito ergono penombre promesse, si tuffano in cerchi di fumo, sfidando istanti lucidi che ridondano al tramonto.
Rimpolpano smanie impudiche, quando incoraggiano sentimenti che acquietano i sussurri emessi da fascinazioni emotive.
Nel varco angusto di cupidigie insulse, nascondono abbagli smodati e simboli repressi, ma, poi, si contagiano in sinfonie contorte, prevenendo costellazioni smaniose di sbandierare impatti irriverenti.
Senza dove, la carenza d'ossigeno é solo la timida estensione d'un passo ermetico. 




 

martedì 15 dicembre 2020

COMPONGONO GLI ACCORDI D'UNA SINFONIA COSMICA.











Aggiungono evanescenza all'audacia di contraffatte provocazioni, che vivaci fermenti alimentano di svogliate necessitá.
Arruffano improbabili percezioni, ruvidi ricami nel transito di occhi spalancati su labili sogni.
Ammaliano l'inconfondibile evoluzione dei sentimenti fiochi, esalandoli in un cielo senza contorni.
Scendono, prematuri, per catturare virtuosismi scaturiti da sorgenti immerse nel buio di smanie accantonate.
Avvolgono, di dolcezza e malinconia, la sfinge arcaica che s'intrattiene proiettando ombra su sagome screziate, tingendo l'aura di note eccitate dalle movenze di fortunali sincopati.
Collezionano frammenti irresistibili, accarezzano riflessi menzonieri, inventano vortici per alloggiare miscredenze.
Raggomitolandosi al cospetto di tiepide influenze, compongono gli accordi d'una sinfonia cosmica.




giovedì 10 dicembre 2020

SI RIVITALIZZA AL PASSAGGIO D'UNA COMETA













Chi s'alloggia in palcoscenici esalati da specchi di vaporosa ed ingannevole immensitá, rischia di convogliare inganni all'ombra di speranze ammansite.
Ammaestra labbra complici silenziandone la cadenza, conduce attimi tamburellanti verso stucchevoli tentativi d'infinitudine.
Smarrisce il passo in tortuose elucubrazioni, che, al ritmo d'ondate cosmiche, divelgono fatalitá sopite, ed estraggono squarci di monotonia. 
Nel richiamo di risvolti densi, aggiorna l'incedere di sentimenti tremuli e frastornati.
Accatasta sofismi in decorose architetture dedite ad arginare rantoli, pennella scansioni di giravolte, attorno ad immense equazioni.
Viaggia su traiettorie succinte che s'annacquano in momenti stantii, ma si rivitalizza enormemente al passaggio d'una cometa.


 
 

domenica 6 dicembre 2020

IL RIFLESSO DI SILLABE PRONUNCIATE SENZA VOCE










Si prodiga ad effondere sfumature di tepore, il riflesso di sillabe pronunciate senza voce, che attardano l'ambiguitá di presenze ruvide e singulti di fruscii speziati.
Boicotta ombre ibride, leviga esibizioni incastonate di carezze longeve, oblitera ogni impronta lasciata da certezze plagiate ed invadenti.
Tramuta in solchi inarrestabili l'andare malinconico d'istinti sbiaditi, sconquassati da ostentata emancipazione, ma segretamente in attesa d'assumere parvenze irreali.
Stuzzica il gestire d'eccentriche falde, sferzandole com pulsioni ancestrali, intraprende sagome di tremuli merletti, e le deposita al cospetto di velati flussi di dolcezza.
Scandisce accenti di mielata intraprendenza, rendendo contundente la rassegnazione di chi s'imbatte nel tracciato di voci sinuose e passi indecisi. 
Imbriglia manifestazioni d'aviditá latente.
Instiga vertici di certezze rivisitate, propugna vibrazioni dense, cospargendo effluvi di bruciante ossigeno arcobaleno.  




 

venerdì 4 dicembre 2020

L'ECO D'UN SUSSURRO EMOTIVO









Illogico, l'eco d'un sussurro emotivo, raramente accartoccia tegole di gestualitá immanenti, convoglia, invece, estrema enfasi verso dedali conturbanti, carichi di passionalitá prorompente ed aliti vaporosi.
Sfiora, con gli aculei d'una musicalitá angolosa, furtive ondositá, che sciabordano dal crogiolo degli incanti, traghetta suadenti effluvi, ammalia il giogo dei sentimenti.
Accostandosi ad aridi impulsi di primitivi ingaggi, addensa emozioni oltre il confine tracciato dalla riscossa di vitalitá ammiccanti e vellutate, pregne di oniriche schermaglie.
Malleabile, recepisce ed ingloba nenie insolenti, che fatalitá ostentate sbriciolano in stanze trasparenti, adagiandosi su cinerei terrapieni.
S'immedesima, irreprensibile, in magie ispirate dal torpore del crepuscolo. 





 

mercoledì 2 dicembre 2020

LE PARABOLE DEL CHIARORE








Le parabole del chiarore ricalcano sfumature scontrose e disordinate, rintuzzano risposte sconvenienti, mentre i battiti di ciclopiche interferenze diluiscono la rugiada di sensazioni avulse, sparpagliate tra sterpi contundenti.
Inarcano ritorni laboriosi, aromi acri estratti dal languore di cadenze sinuose, inanellate all'ombra di pensieri dubitativi. 
Sfumano distanze irrequiete ed altalenanti propensioni di menti incoerenti.
Risvegliano spazi vacanti adagiati su pianali di distorte sensazioni ed intraprendenti suoni di ancestrale infinito.
Tremule, scapigliano esibizioni impigliandole in traversie senza senno, estorcono propositi luminosi da sfibranti fughe di lamenti, graffiati dalle pieghe che tessono agguati ai segreti pigmenti che, l'inutilitá spregiudicata, dissemina al vento.








mercoledì 25 novembre 2020

OCCHIATE NERVOSE E SDRUCCIOLEVOLI









Seducenti girotondi d'occhiate nervose e sdrucciolevoli, rincorrono richiami arzigogolati di coraggiose alchimie che scompigliano i ciuffi di emotivitá inespresse.
Sbriciolano verbi arroganti, suppliscono docili strumenti di laboriosa intraprendenza, si soffermano, indugiando, tra le escrescenze ovattate di strutture propense a disintegrarsi sotto influssi inquisitori di squilibri esistenziali.
Allontanano pensieri confusi intrigandone i toni e le linee ansimanti.
Sfumano suoni invadenti, disarmano ogni gioco che presenti sapori stemperati di turbolenza.
Neutralizzano brandelli ostici d'irriverenti soddisfazioni, mormorate con l'aritmìa di spiragli sinuosi.
Dall'uscio di sospiri leggiadri, traslocano urgenti mancanze, miscelano flutti di veritá, scaturite dall'alito scarlatto di frivoli passatempi, con invisibili fantasie, sfumate come presagi.
Ne immergono gli spicchi in antidoti illogici e fragorosi. 


 

sabato 21 novembre 2020

IN UNA MANCIATA DI MALUMORE








Aderiscono inebetiti mormorii ai presupposti d'uggiose rifrazioni, e, per non produrre vuoto in dissolvenze ammaestrate, ondeggiano come piume discinte dal soffio dei desideri.
Contaminano sequenze di fremiti incalzanti, appassendoli sotto estensioni cocenti, agguantano desolazione, voli di sguardi indecifrabili, intrecci di segmenti proiettati su ombre ondulate.
Ricercano e raggiungono traguardi immaginosi, rendendo statici i contorni di turbamenti ispezionati con innata fobia.
Celano in meandri avvizziti le consegne astatte di evasioni antiche, confezionano dinamiche stantie in cartocci di dileguata armonia.
Circumnavigano estromissioni anarchiche, sconfinando in smerigliati battiti d'odorose effervescenze. 
Retrocedono sempre al calar del sole, per alloggiarsi in una manciata di malumore. 



 

giovedì 19 novembre 2020

LE SENTINELLE INVIATE DAL TRAMONTO






Pattugliano sfumature di piombo emancipato e logiche impastate di squallore, le sentinelle inviate dal tramonto delle attrazioni eccentriche.
Ricalcano mimiche addomesticate, discostano manti emotivi per rivelare contesti affannosi, e restituire forza a schiere di paladini ammutoliti.
Negli arabeschi di tremuli sospiri, sottilineano curve fibrillanti, impronte di carezze convulse, inquietudini in bilico sull'orizzonte delle disarmonie.
Mordono linee annegate, mentre assaporano torsioni di sapori disseminati dal rimestì,o di destini premeditati.
Stuzzicano la fragilitá di disagi pervasivi, per ricongiungersi al fremito che s'origina in attese evanescenti. Svelano olezzi d'impulsi emozionali, negoziano solchi tracciati dallo scorrere di trasporti sporadici, esaltano il ritmo di carezze celate in cromosomi, estenuati come nettare, che trascenda da effervescenti varchi d'incontenibili frivolitá.





 

lunedì 16 novembre 2020

ONDATE DI VIOLATE REGRESSIONI








In ondate scomposte di violate regressioni, i detriti di sfumature avvolgenti prosperano nella luce cruda di malinconici sorrisi.
Sommuovono la densitá viscosa di alitari incontrollati, spogliano appigli di penombra, coagulando fervori ansimanti che aleggino nell'etere aromatico.
Fremono d'incontenibili sussurri, appagano esaltati assiomi e sfibranti singulti.
Si logorano sciabolando intercapedini ed instigando vertigini, innalzano assensi per trasformali in scomode movenze, ignorano frastuoni, che, flutti inconsueti, estraggono da splendori assopiti. 
Prediligono tinteggi adulatori, versi boccheggianti, immaginose palpebre, pronte a capitolare al cospetto di tepori raddolciti e presagi di ritualitá inconsistenti, si arginano a stento, com'è il caso di fantasie impalpabili che si trastullino in tane di tulle rarefatto ed iridescente. 




domenica 15 novembre 2020

SIBILANTI DISARMONIE.








Sibilanti disarmonie spesso celano piaghe madide di vaporose voluttá.
Lí rincuorano sopiti plagi di essenze degradate, energizzano torpori scompensati accostandoli a tenaci sopravventi, ridestano spirali per neutralizzare disagi, ebbrezze ed ingannevoli movenze. 
Attenuano cadute d'afflati che ostentano l'oblío dei sensi, trafiggono ruvidi sbandamenti di sagome opache nel chiarore di crepuscoli sguaiati.
All'eccedenza di nuvolositá onuste e smorfie screzianti di gestualitá trafelate, rispondono con leggiadre lusinghe sussurrandole a grumi d'esuberanze che s'insinuino tra richiami di passioni sconcertate.
Inarcano la distanza di silenzi pietrificati, avvicinano rimestii di caduchi rammendi ai bersagli sonori d'istanti debilitati, ammaestrano la presenza denudata di flebili sospiri ed intransigente aviditá.  



 

giovedì 12 novembre 2020

SUPPOSIZIONI DI DIMESTICHEZZA









Prima d'accostarsi in sconfinate supposizioni di prorompente dimestichezza, conviene esercitarsi in pulsanti ingaggi di primordiali trastorni, convogliare ostentato carisma verso quel logorio che sminuisce ed acquieta trasparenti pregiudizi.
L'impasto che addensa magnetismi frinisce di libecci stralunati, accentua fatalitá nel rigoglìo di sfumature languide e tramagli ticchettanti di malinconia.
Sul suolo labile deposita estasi abbozzate, malintesi, risentimenti inarcati dall'ascolto di echi trangugiati a stento.
Trattiene segreti, privandoli di parodie, mimetizza rassegne nell'aroma di passioni allarmanti.
Scandisce avanguardie, disperdendo sotterfugi sulla scena incorporea di persuasioni ansimanti ed abbagli d'arsure ostiche, che precludono le tenui pennellate di simbiosi insanabili.




venerdì 6 novembre 2020

SIGILLANO AFFIEVOLITI CONTRATTEMPI









Sigillano affievoliti contrattempi, sospesi nel susseguirsi di precipitazioni silenziose, i guazzi esfogliati di venature che conducono a lusinghe immerse in mimetismi elaborati e decotti dolciastri.
Desiderano cadenze effervescenti, sinfonie aromatiche ed espressioni trafelate di farse inarrestabili.
S'avvinghiano a fotogrammi chiassosi ed abbaglianti, immergendone gli orli sfrangiati nel pozzo di sensazioni translucide, frammentate dal graffiante movimento che simula agguati d'intensitá emotiva.
Disperdono sottigliezze, utilizzando il degrado cocente di spasmodici cardini emblematici.
Intuiscono riflessi insensati, quando si cimentano in volteggi arrampicandosi dal precipizio di percezioni congelate.
Incoraggiando sofferenze estremamente diluite, sfiorano fatalitá stridule ed ondulate.
Assecondano sonoritá stridule, mentre si dedicano ad insinuarsi in languidezze incostanti e spigolose, enfatizzando retrogusti di sfumature affusolate. 







martedì 3 novembre 2020

LA SONORITÁ PASSIONALE SI TRASMETTE ALL'UNISONO











Sgargiante, inebriata, la sonoritá passionale si trasmette all'unisono in tutte le direzioni, raggiunge il nettare di bocche spalancate, ma anche arterie e membrane compatte, luoghi comuni, protundenti eritemi, e setose soglie, dove alberga la follia indesiderata dei sogni in attesa di riconoscimento.
Per scansarsi dalla saggezza empatica, abbraccia nessi cementati, spigoli segreti e tatuaggi acquarellati di salive e malumori.
Collide per dischiudere scenari di bagliore, morde, ansiosa, l'aria che fugge da polmoni assillati da odori scomposti, annusandoli con stupore affannato.
Innesca l'impazienza di labbra propense al processo rude che sigilla lo strascico estenuante.
Non s'acquieta con suadenti riccioli di scomposta verbalitá, neppure fragili incantesimi e dialoghi fruscianti ne spengono il battito incantato.
Alludendo a sentimenti contrastati, lampi incontenibili nel crescendo accalorato di banchetti impudenti ed emotivi, invadono l'infinitá.
Cosí, sfumano lo sfrigolìo di menti minuscole, trasgredendo nel loro percorso trappole inarquate che voci melliflue tracciano e ritagliano, annodando veli nella penombra melanconica di animi ovattati.





venerdì 30 ottobre 2020

LE SENTINELLE DEI TRIPUDI ODOROSI









Le sentinelle dei tripudi odorosi solleticano sfumature variegate, allarmano l'avanzata sinuosa ed imprevidente di clandestine sensazioni, inquinate di svogliature pruriginose.
Provocano e tormentano i cantici che, accompagnando squilli di tensione, manifestano trafelati nel giardino delle sconcertanti assenze.
Avvolgono d'amnesia le penombre inconsuete che sospingono evasioni tracotanti, sospiri trapiantati da sguardi segregati e sculture indisponenti. 
Scivolano rigagnoli tra dita avvolgenti, spregiudicando gestualitá che circuisca disegni ebbri di cilestrine attrazioni, ricalcano sensualitá tra quinte di scenari desertici e segreti.
Quando, di soppiatto, abbandonano il recinto dei fragori insani, s'inerpicano in circostanze ammainate, coagulano, in effimere sequenze, la foga di alienati dissapori, l'esaltazione di passi incandescenti ed i superlativi esaltati di leggende vissute come malesseri superstiti di cataclismi simulati in controluce. 





lunedì 26 ottobre 2020

SCONFINANO INCHIOSTRI TRAFELANTI











Inchiostri trafelanti sconfinano plasticitá selvatica, plasmando abbagli passionali, che traiettorie monotone soffermano sull'orizzonte dell'impossibile. 
Decadono ogni bellezza che sfiori il languire di brividi sincopati e sfumature impresse a forza.
Librano irriverenze cosmiche, implicano scabrose percosse in girovaghe raffinatezze ed untuosi segreti.
Fertilizzano fessure banali, che germoglino da smisurate barriere di pulviscolo cerebrale.
In preludi contestati, sospingono, ammorbidendoli, spessori originati da proponimenti disordinati ed agrodolci.
Camuffano concentrici olezzi in tripudi allarmanti, come quando indecise carezze precludono amplessi sagomati.
Nel ritmo tremulo dei tocchi odorosi di luci schermate, miscelano sotterfugi clandestini con curviformi piume dal gioco elaborate.



   

mercoledì 14 ottobre 2020

QUANDO LE INEZIE D'INTENTI...












Quando le inerzie d'intenti interferiscono, circostanziandolo, sull'aspetto barcollante di commozioni e pregiudizi appena risvegliatisi da lungo letargo, é giunto il momento di sciogliere densitá corpose nel mosto di sfumature esuberanti
In perentori vocalizi si possono stemperare labili sussurri, ma, inevitabilmente, si finisce per rincorrere lievi affettivitá utilizzando trasporti indecorosi.
Conviene, quindi, intraprendere effrazioni svigorite, erigere cataste di sedimenti sommessi, per arginare incanti che minaccino il dualismo di sagome che allestiscono congiure, tanto dense quanto instabili.
Altrimenti, ci si ritroverá dove effluvi impiumati capovolgono l'iride turgido dei rintocchi pastosi, che riti compiacenti alimentano di foschie emotive ed assoli snaturati.
In attesa che antagonisti arcigni afferrino le redini di quelle scorribande che soggiogano anche i battiti dell'oblio, ci si dedichi a schermarsi.
Si chiuda ermeticamente la soglia a lamenti e richiami che, come gocce translucide, scivolano sul filo di arcobaleni smerlati di sentimento ingarbugliato e screzi devastanti.      





martedì 6 ottobre 2020

SIAMO VOCI ASSOPITE.









Sandali luridi di bugie strisciano descrivendo fumi sottili, apparsi come sogni in ritardo, che s'abbeverano all'orizzonte nudo delle emozioni, mentre la musica dell'infinito ammassa attimi in scatoloni a strisce blu, ed, al centro del malincuore, si perdono sguardi che avvicinano la Luna.
Sarebbe preferibile perdersi in chiazze di rabbia che si stemperano nel mare, invece d'affondare nel miele di storie oblique da decifrare, assestando colpi alla serenitá di pensieri ciechi ed ingenuamente dignitosi, impallidendo nel riflesso di momenti distratti dal candore delle stelle.
Ma, il tedio, incrocia nuvole basse che farneticano come sbadigli nella bocca di chi biasima il suo tempo, quando dita rovesciano piatti sporchi, e le regole del gioco s'applicano anche alla carta sottratta dalle gabbie del circo inanimato.
Prima o poi, impareremo tutti a risvegliarci il destino, proiettando al buio desideri parlanti, nascondendoci dietro l'insistente presunzione di ostacoli congelati, allineandoci come coltelli affilati nel mulinello d'emozioni che combattono ad occhi chiusi e pugni serrati.
Siamo voci assopite da trasparenza sfrenata e rimpianti senza senso, pronte a vestire la sabbia quando nessuno ci guarda, mura scrostate d'una fortezza di carte scolorite, sospiri di vapore dileguato, tremiti d'una pioggia emozionata che scivola tra frasi emancipate, tormenti affrettati come il suono della salvia nel cielo smussato, che colonne di seta innalzano all'infinito.



mercoledì 30 settembre 2020

L'ECO DI SCORCI CROMATI







L'eco di scorci cromati che squillano attimi di presupponenza, in sinuosa movenza scandaglia la soglia incorporea d'intorpiditi rigurgiti di tristezza, prima d'adagiarsi soffice sul letto di prammatiche insinuazioni, levigando, dietro l'ombra di brividi assillati, la sequela di nitidi peduncoli nel crogiolo dei sogni nascenti.
Si schiera tra premiti e sospiri, emessi dal covo che, rilievi di luminosa anchilosaggine, decorano di sfumature gorgoglianti.
Tesse percezioni intrepite, alla ricerca di confini estranei al percorso prediletto dai suoni della lusinga.
Soppesa inconsistenti segmenti di virtú, per addestrarli al motto delle stelle.
Disperde, tra appendici di migrazioni trasparenti, gli approcci flebili, attraverso i quali, illogici ardori lusingano avvolgenti convogli di enfasi imprendibili.


  

lunedì 28 settembre 2020

DENSI LEGAMENTI DI COMPLICITÀ












Densi legamenti di complicitá esaltano intrecci spudorati d'avvenenza passionale.
Schioccano espansioni e spasmi sospesi, stemperando emozioni bollenti nei chiaroscuri incostanti, che, ritmiche stagioni della mente, catapultano su soffici vapori, condensati in religioso silenzio.
Si fondono in connubi languidi ed evanescenti, rovistando sussurri in soliloqui riproposti, affilando istanti di buio disarmato dall'offuscante idioma dei sensi.
Sconcertano semicerchi annodati, increspando la superficie di supposizioni stremate.
Imprimono, sottovoce, patine distillate dal respiro incostante, che dissolve sottigliezze, ed acute manciate d'energia scaturita dal frastuono di consuetudini specchiate.
In affreschi ansimanti d'elusive rinascite, trattengono filigrane, consunte quanto il languido percorso d'assiomi approdati su muri nascosti, prolungano artifici eclettici e vertigini menzognere.
Alimentano richiami di sgarbi primordiali, contornano pensose impudenze, per raggiugere traguardi scanditi in vortici slanciati, emigrano collisioni elastiche verso fugaci presupposti fallacemente impregnati di sfuriate attonite ed incisive.






martedì 22 settembre 2020

VAGANO MIRAGGI STRAVAGANTI.








Tra le brume d'inappagati accenti di languidezza, vagano miraggi stravaganti, svicolano lubriche motivazioni che non saprebbero governarsi altrove.
Un timido effluvio ne sparpaglia i sospiri cadenzati, esala volontá compresse, intingendole in rugiade allegoriche e stantie.
Abboccate sfuggenze di sommesse estemporaneitá, spesso frequentano le memorie furtive, che rinascono con guizzo istintivo, ed aggiornano il nesso di spregiudicate matrici predilette da appigli verdeggianti.
In sospeso, tra congestionati incanti d'irrealtá, ed astute proiezioni di fatali prodigi, avvenenze speziate scivolano trascinandosi dietro venature iridescenti.
Accentueranno il rimbombo d'un talismano, quando striscianti ombre di passionalitá profonda, invaghendosi d'eclissi apatiche, rincorreranno sapori masticati durante intrecci di messaggi penzolanti da arcobaleni capovolti.




lunedì 21 settembre 2020

SOMMOSSE INTRAPRENDENTI









Sommosse intraprendenti, modellano le zolle incolte dell'ironia discinta, che dissemina indulti restii a calcare il soppalco, dove tonfi, smacchi ed immagini riflesse mormorano come rimproveri severi.
Sciolgono ipotesi minute, dispiegano morbidezza bacchettata, incantano pertugi alteri e parabole roboanti.
La loro fluidità magnetica addolcisce crudeli mozioni esistenziali, frastorna la gramigna che il vento si rifiuta d'accarezzare, interpreta il tintinnio di voluttá iridescenti, che, premeditate circostanze, imprimono sulla superficie di parole lievi e disagiate. 
In un congiungersi di rimestii vaporosamente periferici, tramutano lusinghe in comandamenti improponibili, scandiscono percussioni folli esasperando cronache partorite, in modo astratto, tra diametri distorti, stormi di sotterfugi congestionati e fili d'erba raccolti per dispetto.






giovedì 17 settembre 2020

AFFANNI SIGILLATI IN GUAZZI D'ECO IMPERTINENTE.









Affanni sigillati in guazzi d'eco impertinente, affievoliscono ogni lamento sospeso nel vuoto, zittiscono il fragore di dissolvenze angosciate ed inebetite.
Contaminano scenografie ridondanti, scontrosi quanto insulse passioni riflesse in biechi crepitii di sincopati passi sul greto che si trasforma in pastura ondeggiante e fantomatica. 
Avanzano verso miraggi informi, che scambiano per traguardi rassicuranti.
Ispezionano il cilindro di vortici che riassemblano il circumnavigare del tempo, calandosi in dinamiche scagliate come dardi incandescenti, corteggiano anatomie smerigliate, e ricerche intraprese al ritmo d'elucubrazioni dondolanti.
Osteggiano nubi assopite, nel tentativo di contornare tregue scabrose, e rincorrere plasticitá alitanti contro vento.
Nell'adulazione viandante, trasportano irriverenti segreti, implicano smisurate percosse, scolpiscono aritmie e movenze di portata cosmica. 



mercoledì 16 settembre 2020

IL SOSPIRO INAPPAGATO.







Decaduto dal piedestallo, che effluvi d'acuminato cinismo irrorano di lubrica rugiada, il sospiro inappagato svicola, disperdendo languidezza su melliflui miraggi e stravaganti interiezioni.
S'alimenta di brividi scalpitanti che sottolineano sfuggenze inquiete, mentre infioccano sommosse reticenti, coinvolgendo arcane predilizioni.
Associa pastositá densa a messaggi disarmanti, incide scalpori sulla superficie ombrosa di cesellate consuetudini.
Nel suono lusinghiero di molecole temerarie, avvolge illogici ardori, convoglia l'eco flebile di aliti effervescenti ed assaggi setosi.
Accorcia distanze da ondositá mozzafiato che martirizzano giochi abbozzati al ritmo dei lamenti, e ne disperdono le angolose sembianze.
Nel diventare sconfinato d'insistenti perdite di senno, annunciano catture d'oltrepassati impulsi di sublimato ardore.





martedì 15 settembre 2020

ORME DI MOVIMENTI ASSOPITI DA FATALITÁ CARISMATICHE.













Quando si celano nei rimasugli accartocciati d'inermi cantici e briciole d'indolente languore, attingono fenomenali approdi, le orme di movimenti assopiti da fatalitá carismatiche.
Pulsano di sfumature riflesse nell'apice tenebroso della cuspide che acquieta vagiti insolenti, ostentando riflessi translucidi e presuntuosi.
S'immedesimano in pieghe vaporose, osando tranciare legami sanciti da fruscii d'afflati incontrollabili,
Avvolgono aromatiche sferzate di dilemmi raggomitolati nell'arruffato letergo di mimiche lontananze.
Marcano il precipizio di proiezioni distratte dal luccichìo di vetrose sillabe affrante.
Dietro moine arrotondate, scandite senza tregua, plasmano levitá ermetiche, sbordandone i limiti ipotetici ed arrampicandosi nelle sonoritá di astri ridimensionati in tasselli di cielo incandescente.
Vagabondando capricciosamente, estendono fomenti di pulsioni accalorate, incrementano collisioni irriverenti, s'impigliano in passi levigati ed anomalie irriverenti.
Venerano la smania che contrasta i rimbalzi taglienti, innescati, silenziosamente, da ventagli di pigmenti intinti in commozione fascinosa.





venerdì 11 settembre 2020

LA VISUALE SMUSSATA CHE ACCAREZZA IL MAGNETISMO










Altalenanti traiettorie, goffe attrazioni, marcano la visuale smussata, che accarezza il magnetismo di preguidizi accentuati dal frinire di pensieri infranti.
Oltre quei versi bollenti, che adornano la ruvida sensibilitá di pastose adulazioni e folate assiemate, s'agglomerano misfatti eccedenti.
Lí, azzerano brame, propongono rintocchi di distillata impertinenza, mentre sviscerano le grida di carezze e sguardi incartapecoriti.
Attreverso spiragli porcellanati, insufflano sonoritá inconsuete, assaporano preziosi assensi vellutati, ed epiloghi sfornati con impudica gestualitá.
Focalizzano, in allegorie irriverenti, brividi farneticanti, che inebriano coagoli appoggiati al bordo dell'inesistenza.
Conciliano moti impulsivi e corpositá candide, trascinando sfumature sconosciute nel languore inconsistente di passionali frenesie, che turbano sornioni flutti ed assoli struggenti.





mercoledì 9 settembre 2020

IN UN LEMMA DI PRAMMATICO DILETTO









È in un lemma di prammatico diletto, che tristezze intorpidite incorporano peduncoli di discostata solitudine.
Riaffiorano, cosí, prodighi contrasti, sobillati dall'evanescenza di variopinte schegge e pretenziose saghe emotive.
Il loro spessore incorporeo, ne rabbuia la sbornia prematura, confezionando primordiali allusioni in cangianti movenze di mistero.
Tinteggiano cadenze dilatate, depravandole nella penombra adulatrice, che ergono da boccheggianti densitá, sospinte in modo irriguardoso.
Iniettano fatalitá pugnaci, diluendo il corteo altero di sonoritá discordi e sobbalzi intermittenti, che procede sul pavimento levigato da cospicui inganni ed intemperie odorose, mantenendosi in equilibrio estremamente precario.
Ricorrono ad inventati bisbigli per recitare scene di auto-commiserazione, stancano, con carezze addestrate, l'impeto di parabole e metamorfosi, annegandole in risacche artificiosamente adornate con adunchi detriti di fragilitá enfatiche e struggenti.





martedì 8 settembre 2020

L'INGORDIGIA DI SGUAIATE VOCI








L'ingordigia di sguaiate voci, racchiuse in scatoloni di cielo, accompagna sempre le sincopate cadenze d'una loquacitá senza tempo.
Come germogli teneri di appiccicosi intenti, ovattate rinunce di frammenti cadenzati, solcano prismi intraprendenti ed ansimanti enigmi.
Evidenziando retrogusto contaminato, s'abbarbicano tra approcci spigolosi. volteggiano sbiadite evoluzioni, distraggono arroventate consuetudini.
Ostentano piume arruffate, destinate a contraffare temperamenti nodosi, che ribollono in scenografie addestrate ad ingoiare le linee sghembe, che, orizzonti dislettici, tracciano sui connotati di chi s'avventuri a ciacolare al vento.
Potessero alimentare le bocche di fiordalisi meccanicamente aggrappati a slavine ribelli all'autoritá di ricordi ringalluzziti da rituali velenosi, assottiglierebbero l'essenza di ricami ansimanti di vertigine, sfuggirebbero all'incertezza che implode plasma nel crepitio di profanate riflessioni ed apatici passi di valzer.








lunedì 7 settembre 2020

LA METAMORFOSI D'UN SENTIMENTO








La metamorfosi d'un sentimento sempre accade in controluce, scivolando nella lucentezza di sguardi smarriti, applaudendo l'esibizione indomitamente soggiogata d'incerte reticenze, che, scalpori ingarbugliati e capricciosi, attorcigliano con la lama della sciabola.
Si disperde in indocili sofficitá, levigando dense gestualitá immanenti, annodandole alle incertezze di dicerie contorte, detestando complicitá bugiarde, rincorrendo estasiati eventi nella vastitá di deserti pastosi e disarmanti.
Attaversa varchi discinti, tramutandoli in volumetrici involucri oltraggiati da sentimenti invadenti, per riemergere in amnesie annerite, che contrastano colori smaglianti tra sfumature sagaci d'arbusti insonorizzati.
Accentua assiomi labili ed annebbiati.
Logora sussulti di vaga esaltazione, vociferando singulti sfibrati, richiamando equivoci da etá effimere, implicandoli nel tramezzo di vagiti distillati con impudica passione.
Nel buio effervescente di languide emozioni, clandestinamente, ammorbidisce artifici bisbigliati e sembianze arruffate, espande intonazioni di vivido stupore, dove fluidi grovigli scalpitano, invocando lampi che inceneriscano futuribili vertigini.



venerdì 4 settembre 2020

SVISCERANO OGNI IMPETUOSA ESALTAZIONE










Intermezzi rapaci sviscerano ogni impetuosa esaltazione, proiettano crudeli refoli di voluttá in ambigue fusioni passionali.
Scivolando a ritroso, sfiorano amnistie mordenti e libranti plagi di spauriti girotondi.
Non si lasciano soggiogare da madide sfumature d'inquietudine, anche se ammainano irrimediabilmente l'invisibilitá di grimaldelli ferruginosi.
Escogitano, galvanizzando brunite strategie magnetiche, tortuose indiscrezioni cigolanti.
Annusano mugolii e riverberi d'enfatizzati intrighi, accarezzano barbagli appesi ad orizzonti distanti, fondendo intenti infiniti, nel crogiolo dove propagati riflessi iridescenti soffondono ataviche resistenze e rimproveri acquiescenti.






mercoledì 2 settembre 2020

DESERTICHE ARSURE DI SOPORI CILESTRINI










Di soppiatto, afflati trepidanti ed affusolati, desertiche arsure di sopori cilestrini, per non intrappolarsi in nullitá recondite, s'arrampicano sui sollievi che adornano la superficie dei sogni.
Trasalendo dal circuito minato, che raggiate inconsistenze suscitano nei vani compiacenti di circostanze, addomesticate quanto veritá sommesse, ammainano balsamici acquerelli in languide trasparenze, create dal moto perenne di linee clandestine.
All'ombra di assilli roboanti, si sforzano d'assopire teoremi frangenti, e tonfi sprigionati da stelle in rotta di collisione con straripante pulviscolo di vaporositá immaginosa.
In enigmi emozionali, non riconoscono acuite diversitá e pittoresche lusinghe, che rumoreggiamo sbriciolandosi su flebili considerazioni di perduta esultanza.
Eppure, insistono a percorrere il crinale irto di spilli di radiositá splendente, sfiorando imprendibili convogli di ardori dilatati, sussurando ondositá angolose come falangi di pulsioni accartocciate, aderenti a vibrazioni gelate, che giocano ad addestrare primordiali essenze di bambú.





domenica 23 agosto 2020

CALPESTII CHE SOTTOLINEANO ITINERARI DI SGUARDI









Pervadono il cosmo, calpestii che sottolineano itinerari di sguardi presi nel silenzio dei pensieri.
Sussurri avvelenati suggeriscono, allo strapiombo convulso, andarivieni, sconfinati quanto il languore di chi freme per possedersi.
Specchi frastornati concedono, a ombre dinamiche e provocanti, la malìa assorta di proposizioni corrotte.
Profumi eccellenti, annodano parabole increspate con filo d'alfabeto emotivo, ragguagliano i passi vanesi, che scavalcano il confine del rugiadoso vortice accarezzato dal disgelo prematuro.
Senza premura, trascendono la patina persitente, che la memoria deposita su gocce distillate da inarrestabili vibrazioni e criptiche polveri d'istinto.
All´orizzonte dei colori, si stagliano inspiegabili strappi di sottigliezze ricorrenti, mentre l'accozzaglia degli istinti scivola sul tintinnìo luccicante di umori rivitalizzati e sconquassi succinti. 






lunedì 17 agosto 2020

I TUMULTI DI RICHIAMO PRIMORDIALE











Tasselli intercambiabili, che intervengono sulla scena esistenziale quando l'incomprensione predomina, i tumulti di richiamo primordiale costituiscono fermento assertivo, sopperiscono a miriadi d'incertezze ed illazioni, per asserire una logica emotiva, che rammendi lacerazioni in corso di progressivo aggravamento.
L'essenza dell'elasticitá che li caratterizza, é mossa da istintive armonie, impossibili da diluire nel vuoto cosmico, s'amplia nel profondo d'ondositá eteree, accarezza espansioni oscillanti alla ricerca d'una via di fuga.
Oblitera istanti assillati, memorizza e condivide sovraccarichi sottratti a qualche inezia, li cosparge di sollievo, proponendo brio e vivacitá al tracciato di tipologie destinate a produrre soltanto gratuiti sbigottimenti.
Ricrea a forza l'ascolto controvento di sghembe retrovie e longique memorie, rimestate d'assordante giudizio, intrise di paradossi abrasivi e torbidi.
Espone al vento della concordia fili d'erba intinti in pozioni sedative, da sempre custoditi nella penombra di pensieri allineati, indotti da concatenazione perniciosa.








 

martedì 11 agosto 2020

SINERGIE CHE ASSECONDANO ISTINTI ESAGITATI











Intraprendenti sinergie, che assecondano la distillazione d'istinti esagitati, possono sussurrare aliti roventi per smussare anche i declivi piú vertiginosi, ma raramente ammansiscono le sfumature rimodellate, che attimi vissuti all'ombra di selvaggia irruenza coltivano come chiazze di fiori urticanti.
Discostano appigli blindati, spremendo dal silenzio invadente nettari irrequieti, capaci d'alterare l'essenza di amari soggiorni tracimati in tempi bollenti.
In vaghe solitarie pozze di liquami altamente tossici, sciolgono i lacci del destino, disperdono oblunghe impronte, rimasugli di stropicciati passatempi e sapienza incontrollata.
Soggiornano in osservazioni ottuse, alimentadosi d'attriti indecenti, concentrici, tentando di scalzare la dolcezza dal profondo d'emotive voluttá.
Accecano occhi languidi stilettandoli con esorbitante carnosità.