.

.

.

.

....

....

POTENDO SCEGLIERE , PREFERIRESTE :

NEI FILM , LA NUDITÁ È UM ELEMENTO IMPORTANTE ?

sabato 31 ottobre 2015

DELUSIONI AFFETTIVE










Tutte le grandi e piccole disgrazie che colpiscono gli abitanti della Terra , derivano da passioni subalterne , sono accompagnate da scorie morali d'istinti che permangono primitivi .
Se esaminiamo , per esempio , le cosiddette " delusioni affettive " , ch'affliggono gran parte degli esseri capaci di provare sentimento , quasi senpre sono il prodotto d'una insoddisfazione originata in antichissime sorgenti , mai riconosciute né affrontate .
Non accettando il concetto che l'esistenza é evolutiva , si pretende d'imporre una visione limitata ed egotistica , in totale conflitto coi valori dello spirito .
Inevitabilmente , si finisce per disprezzare le esigenze morali di chi si vorrebbe come compagno di vita , provocando tragiche conseguenze e dolori profondi .
Chi non considera le forme di possesso , ch'autorizzano a prevaricare il diritto alla felicitá di coloro a cui dedica attenzione , evita di generare reiterati conflitti e di seminarsi inutili chimere nel Cuore .
Ma , molti , preferiscono mantenere finalitá malvagie , che giustifichino comportamenti passionali , e non concedano compromessi né ripensamenti .
Raccolgono le inevitabili conseguenze , definendole amarezze e delusioni , attribuendole all'ingratitudine , di coloro ch'affermano d'aver favorito .
Si comportano come chi s'avvelena con un elisir che s'é distillato , ed al quale aggiunge fiele .
Lo reputa innocuo , e rifiuta l'antidoto offerto dall'Amore incondizionato , lasciandosi devastare , senza nemmeno ammetterne i motivi !
Quante creature umane , intossicate da vapori che non sanno sublimare , si comportano cosí , biasimando esseri innocenti , ed accusandoli di conflitti , che non hanno originato né favorito .
Sono coloro che si disputano i biglietti per partecipare alla gara delle illusioni .
Finiscono , sempre , travolti dalla valanga provocata dal clamore del proprio egoismo sfrenato .

                                                                    Messaggio spirituale ricevuto il 15 Ottobre .







venerdì 30 ottobre 2015

MORBOSO ATTACCAMENTO AL PASSATO ...









La parte preponderante d'ogni periplo carnale , comporta l'abbandono di convinzioni e principi , accumulati nei cupi momenti di scarsa capacitá , che hanno costituito gl'albori spirituali .
È dovere evolutivo rinnovarsi continuamente .
Chi non l'assolve , si comporta come chi arresta il corso d'acqua , dal quale intende abbeverarsi , o , per paura d'intorpidire la superficie del lago , lascia che si trasformi in palude .
Liberiamoci quindi - al piú presto - dei residui di conflitti esistenziali , insoddisfazioni infantili , frustrazioni emotive , ansie e paura , pregiudizi , che , fissandosi subdolamente nell'inconscio , pregiudicano l'istallarsi d'idee innovatrici e propositi motivatori .
Rendiamoci conto che , la dinamica , costituisce fondamentale principio organizzatore , senza il quale é impensabile poter progredire .
Mantenersi vincolati ad idee e situazioni morali , senza verificarle costantemente alla Luce del presente , produce un illusorio senso di conforto e sicurezza .
In realtá , si facilita tormento e confusione , derivanti da mancanza d'adeguamento al processo universale .
Ogni credenza religiosa , artistica e scientifica , anche se fu credibile ed inconfutata , non deve mai sfuggire allo scrutinio del Cuore .
E , quando si rivela come ostacolo allo sviluppo del progresso morale ed intellettivo , va immediatamente abbandonata , per lasciar spazio a concetti che possano illuminare .
Spesso , l'infelicitá terrena , deriva da un attaccamento morboso a postulati , che costituiscono soltanto anacronistiche vestigia di contenuti emotivi , ormai completamente ingiustificabili .
Sono un bagaglio da non trasportare piú .
Sostituiamolo con strumenti salutari ed adeguati alle esigenze attuali , vincendo la nostalgia che ci riporterebbe al punto di partenza , obbligandoci a ripercorrere - da schiavi - il cammino , reso piú duro dalla presenza d'emozioni inferiori e debilitanti , e dalla nostra persistente propensione ad assecondarle .

                                                                       Consigli spirituali ricevuti il 14 d'Ottobre .





giovedì 29 ottobre 2015

SENZA REMORE NÉ PAURE !!!









Ambire ad un mondo migliore , dovi si viva in pace ed armonia , é aspirazione legittima che tutti alimentano , piú o meno segretamente .
Essendo un fattore di grande valenza edificante , dovrebbe fungere da motore evolutivo , tanto a livello meramente individuale , quanto in un contesto piú ampio , ch'abbracci l'insieme delle societá e l'intero cosmo .
Invece , in molti angoli dell'Universo , le condizioni ancora molto primitive ne ostacolano l'insorgere , e scarsi sono i segni di progresso .
In particolare , chi si trova sulla Terra , é chiamato ad un arduo compito .
È bene che capisca che , per assolverlo ed assecondarsi la coscienza , deve trovare il coraggio d'osare , di lanciarsi in una lotta ingrata , che non garantisce alcun positivo risultato immediato , provocando spesso soltanto frustrazione e sofferenza .
Impegnarsi in un miglioramento morale crea - peró - le premesse per diffondere , con credibilitá , principi edificanti , di cui tutti possano usufruire .
Anche se si constata l'assenza di sicurezza , che garantisca incolumitá nell'attraversamento d'un campo minato , é sicuro che , astenendosi dal procedere , la meta non verrá mai raggiunta .
Si tenti - quindi - con entusiasmo e convinzione , di cambiare l'ambiente in cui capita di trovarsi , migliorandone le componenti morali e la sua accoglienza .
Senza remore né paure , ingiustificate , data l'immortalitá dell'influsso che c'é richiesto d'esercitare .
Cosí agendo , si gode della soddisfazione arrecata dall'assenza di rimorsi di coscienza .
E s'evita di languire nella logorante attesa d'un futuro migliore , senza muovere un dito per facilitarne l'arrivo .
Se si combatte per instaurarne le condizioni propizie , é lecito sperare di vivere in un mondo migliore , credendo non in un'ambizione utopica , ma in sé stessi , e nella bontá insita in ogni essere .

                                                                              Consigli spirituali del 13 Ottobre .








mercoledì 28 ottobre 2015

DESLOCAZIONE COSMICA ...










Per la Spiritualitá superiore , la deslocazione cosmica avviene senza restrizioni né ritardi : atto costante , che non implica alcuno sforzo , scorre come corso d'acqua impetuoso , fluisce naturalmente , in modo inesauribile .
Ma - per chi si trova in una condizione meno evoluta - tale facilitá di movimento é ostacolata , subisce rallentamenti ed intoppi .
Gli spostamenti raggiungono velocitá ridotte , richiedono un impegno non indifferente , possono produrre logorío e stanchezza .
Bisogna , quindi , sapersi dosare le forze , non avventurarsi in inutili odissee , per puro piacere o curiositá .
E , nel caso del volo di chi si mantiene legato al corpo , va contemplata la finalitá esistenziale , prima d'arrivare a considerarlo possibile .
S'ammetta che , viaggiare nel cosmo , é una prerogativa dello spirito libero dagl'ingombri della materia , e si cerchi di svolgere il proprio compito quotidiano , reggendosi al meglio con i piedi piantati per terra .
Cosí facendo , non soltanto s'assolvono i doveri morali caratteristici della condizione umana , ma ci s'alleggerisce , in modo da prepararsi ad un eventuale decollo spirituale .
Si pensi che , il corpo , non é un ingombrante e oneroso orpello , ch'impedisce all'anima di viaggiare liberamente .
Al tempo attuale , costituisce - invece - meccanismo appropriato per svilupparci l'arte di volare , dato che limita l'esuberanza di desideri spropositati , ed aspirazioni , che porterebbero a confuse ed erratiche mosse dinamiche .
Rispettiamo la gabbia che ci mantiene prigionieri , apprezzandone l'utilitá , in vista di futuri sviluppi , che si concretizzeranno soltanto a tempo debito .
Un salto prematuro ed impulsivo , porterebbe alla catastrofe , proiettandoci in ambienti impreparati ad accoglierci , dove ci sentiremmo inutili ed estranei .

                                                                                       Consigli spirituali del 28 Settembre .







martedì 27 ottobre 2015

BANALI RIPICCHE ...









Dobbiamo esaminare , anche una minima espressione della volontá spirituale , con grande oculatezza ed acume , perché il suo impatto é sempre significativo .
Applichiamo - peró - estrema tolleranza , dato che non ci compete emettere giudizi e censure .
È sottolineando errori e cattiverie altrui , che s'innesca un processo retributivo , che porta all'infelicitá , e dal quale si esce sempre indeboliti e confusi .
Conviene - invece - trascurare la percezione di quanto disturba , per concentrarci sugli aspetti edificanti d'ogni situazione .
Si concedano , a tutti , ampie possibilitá di riscatto , anche quando le colpe appaiono abnormi , e non s'intravede ancora alcun segno di pentimento .
É proprio a causa di grandi torti subiti , che s'installa in noi la volontá di salire di livello morale , in modo da non renderci responsabili di ingiustizie simili .
Se reagissimo , anche solo verbalmente , alla logica di chi si vende e s'asserva al Male , agiremmo contro i principi , per i quali professiamo totale rispetto ed ammirazione .
Manteniamo - quindi - la bocca chiusa di fronte ad una raffica d'insulti o calunnie , limitandoci a provare compassione , per chi non conosce altre maniere per affrontarci .
L'indulgenza verso gli altri , costituisce premessa indispensabile d'una pacifica convivenza sociale , e conferma notevole evoluzione spirituale .
Apprezziamone l'importanza , evitando di cedere all'impulso di banali ripicche , che ci retrocederebbero al livello di chi ci provoca ed affligge .

                                                                                           Consigli spirituali ricevuti il 12 d'Ottobre .






lunedì 26 ottobre 2015

FATTORI NEUTRI ...









Nel processo di metabolismo d'ogni componente esistenziale , pochi , ma significativi , interventi arricchiscono il nostro patrimonio morale .
Costituiscono le uniche conquiste eterne che dobbiamo procurarci e valorizzare , ricavandone determinati vantaggi .
Il resto si compone di vicende indifferenti , che sfuggono al nostro controllo , ma che , comunque , non ci producono alcuna minima evoluzione spirituale .
Sono - come tali - fattori neutri , ch'assumono connotati differenti , a seconda dell'atteggiamento di chi li affronta .
Per esemplificare questo concetto , si noti come la stessa situazione possa sia ferire che alleviare , dato che non smpre le si attribuisce il medesimo significato .
È , quindi , prerogativa individuale , quella di lasciarsi affliggere da circostanze che , se analizzate con oculatezza , costituerebbero motivi di sollievo , o provocherebbero irrefrenabile allegria .
È necessario - peró - ammettere che , alcuni di noi , presentano esiguitá evolutive , tali da render loro inaccessibile , un sereno approccio alle difficoltá ed ai dolori della vita .
Il potere di sopportazione di chi si sente inadeguato ed indeciso , é estremamente ridotto , ed ogni minima interferenza , o contrattempo , gli origina gravi dissesti morali .
Capiamone il dramma , e cerchiamo di contribuire a minimizzarlo , utilizzando argomenti e parabole , ch'enfatizzino l'estrema relativitá degli eventi nel contesto spirituale .
Spesso , le nostre parole verranno accolte con scherno ed indifferenza , ma offriranno , sempre , un barlume d'oggettivitá che va affermato .
Pur non mutando la percezione di coloro , che considerano la realtá come ostile ed ingiusta , possiamo mostrar loro quanto siano inoffensive le sue conseguenze .
Quando ci si dichiara indifferenti ai rovesci del destino , si fa uso di grande forza e consapevolezza , e si diviene un modello da seguire , per chi dubiti di sé stesso .

                                                                                Consigli spirituali ricevuti il 10 d'Ottobre .







domenica 25 ottobre 2015

METTIAMOCI IN PRATICA !!!










Lo spirito affronta il lungo cammino che porta alla completa felicitá , per depurarsi ed evolversi .
S'alleggerisce , poco-a-poco eliminando un bagaglio scomodo , ch'ingombra e ritarda il passo .
Conviene che si capisca che , tale processo , non puó attuarsi al riparo d'interferenze esterne , o approfittando della convenienza offerta dall'isolamento .
Ogni caratteristica spirituale , per confermarsi , dipende dalla presenza d'entitá consimili , su cui venga esercitata , producendo effetti ed interferenze .
In altre parole , é irrealista fare riferimento a pretese qualitá o difetti , senza prima averne verificato l'operativitá .
Tutti procediamo nella stessa direzione , e - prima o poi - raggiungeremo la stessa meta .
Frattanto , dobbiamo accettare che non é per mezzo di definizioni assolute , che si contraddistingue il comportamento e la serietá delle intenzioni morali .
La bontá , per esempio , mai é un concetto astratto , una semplice disposizione dell'anima .
Esiste soltanto quando , e se , s'estrinseca nei confronti di chi ne possa usufruire , producendogli rassicurante influsso .
Secondo lo stesso parametro , anche l'orgoglio , l'invidia , l'ipocrisia , l'inganno ed ogni tipo di malvagitá , diventano imputabili manifestazioni dello spirito , quando raggiungono un destinatario che le subisca .
Impariamo , allora , a destreggiarci nell'intricato mondo che ci siamo scelti , dov'é inevitabile imbattersi in continue lotte e confronti acerrimi .
È proprio a causa di tali situazioni , che le forze interiori escono allo scoperto , e rivelano la loro autentica natura .
Altrimenti , sarebbero immagini riflesse di propositi mai messi alla prova , infantili e sterili nella loro inutilitá .
Rotonde gocce di rugiada ch'assomigliano alla pioggia , ma che non arrivano ad irrigare alcuna quercia .

                                                                                    Messaggio psicografato il 9 d'Ottobre .






sabato 24 ottobre 2015

PROVA O CASTIGO ?









La vita corporea costituisce elemento fondamentale , che permette allo spirito di sperimentare , in concreto , le conseguenze dei propri errori morali .
Tutte le sofferenze , che s'affrontano sulla Terra , vanno accolte con estrema sopportazione , dato che sono testimonianze e conferme d'un valido processo in corso .
Essendo subordinate alla volontá d'emendarsi e d'avanzare verso la Luce , sarebbe improprio definirle retribuzioni o castighi .
Meglio é accettarle come strumenti riparatori , medicine spirituali , necessarie per ristabilire equilibri compromessi da azioni o pensieri deteriori .
Si consideri , allora , quanto generoso sia il meccanismo universale , incaricato di fornire mezzi curativi , piú o meno dolorosi , a seconda delle mancanze da colmare .
Di conseguenza , ch'inghiotte amari bocconi durante l'esistenza terrena , dovrebbe apprezzarne la funzione terapeutica , e rallegrarsi pensando ai risultati positivi che produrranno .
Anche chi consideri la strada della redenzione da un punto di vista espiatorio , possiede ottime motivazioni per percorrerla , e non deve mai dubitare della sua viabilitá .
Risulta - peró - ancor piú coinvolto nel processo evolutivo , se lo analizza in maniera meno rigida e penosa .
Sappia che nessuno puó esonerarsi dalla felicitá .
Non consideri , perció , ogni prova come una molestia perniciosa .
Anche se si tratta di punizione per crimini commessi in un lontano passato , va vissuta serenamente , senza auto-infliggersi inutili colpi , che vanificherebbero anche la piú solida delle ricostruzioni morali .
Liberarsi , progressivamente , dalle imperfezioni costituisce il compito , che siamo tutti chiamati ad assolvere .
C'é permesso rivoltarci a questa Legge perfetta , ma , le conseguenze , si rivelano tanto deludenti ed inesorabili , da rendere sconsigliabile tale alternativa .

                                                                      Mrssaggio psicografato del giorno 11 d'Ottobre .







venerdì 23 ottobre 2015

LA FORZA DEL PENSIERO









Il pensiero perfetto , proveniente dall'intelligenza suprema , ha originato l'Universo e lo mantiene attivo , in continua espansione .
A livello individuale - peró - l'energia fluidica , prodotta e dispensata , non é inesauribile e costante .
Bene prezioso e scarso , va salvaguardato , e rigenerato , continuamente , con grande impegno e difficoltá .
Malgrado , la potenzialitá dell'anima che ognuno di noi alberga , sia infinita ed insopprimibile , grandi condizionamenti e lacune morali producono effetti limitanti .
Ogni pensiero - quindi - comporta un considerevole dispendio , che depaupera per un po' il meccanismo incaricato della sua emissione .
Ne consegue un'inevitabile necessitá di riposo .
Piú o meno duratura , a seconda della consapevolezza acquisita .
Per intenderci , si consideri che , anche lo spirito come il corpo , necessita periodicamente di ristabilire le sue forze , tornando ad immagazzinare quanto ha appena elargito .
Si sappia inoltre che , al livello evolutivo che caratterizza la condizione terrestre , quasi tutti gli esseri mancano di capacitá intellettive per mantenersi totalmente autosufficienti .
Devono , perció , ricorrere ad un processo ri-equilibrante .
Ogni pensiero inviato produce un vuoto , che richiede energia per venire colmato , e ritornare ad innescare le sue funzioni .
L'apporto piú efficace e produttivo proviene dall'esterno , contrariamente a quanto creda chi si sente pieno di sé .
I pensieri consumano grandi quantitá di combustibile intellettivo , ma - trasformandosi in veicoli - sono in grado di fornire , a chi li accolga , il fabbisogno appropriato .
S'accetti - allora - che non puó esistere alcuna forma d'isolamento intellettuale , e che , tutti , siamo collegati alla stessa rete energetica , indispensabile al propagamento universale .


                                                                                                       Nessaggio spirituale ricevuto il 6 d'Ottobre .






giovedì 22 ottobre 2015

NUTRIMENTO SPIRITUALE ...










L'energia spirituale , essendo forma sublime di manifestazione immortale ed irriducibile , prescinde da qualsiasi tipo d'alimentazione per affermarsi .
È - quindi - palesemente distorta la rappresentazione d'elementi concreti , che soddisfino appetiti d'entitá smaterializzate .
Non si creda - peró - che , una volta svincolatasi dal corpo , l'anima sia immediatamente consapevole della totale assenza di necessitá corporali .
Durante un periodo di transizione , piú o meno lungo , a seconda dell'elevazione morale raggiunta , permangono attive sensazioni , e condizionamenti , di stampo tipicamente terrestre .
Come risultato , sgradevole ed evolutivamente inopportuno , é possibile che lo spirito soffra la penuria di quanto non gli é necessario , né conveniente .
Si creano , allora , situazioni paradossali , che producono reali difficoltá e disagi - anche se , di solito , di rapida risoluzione .
Sono , infatti , fenomeni aberranti , di cui , la transitorietá , é caratteristica costante .
Una volta riacquistate facoltá inerenti al mezzo etereo , dovi si ritrova a svolgere la sua funzione , lo spirito non puó rimpiangere alcuna dipendenza fisica , né crearsi bisogni inutili e gravosi .
Nella dimensione , dove l'Amore primeggia , metabolizzarlo fino a che diventi componente primaria dell'esistenza , é l'unica forma d'interazione sostentabile e sublime .
Per chi , giá sulla Terra , s'impegna a fornire tale nutrimento celestiale , e ne apprezza l'enorme valore universale , risulterá estremamente facile adattarsi all'alimentazione cosmica , quella che l'anima richiede per raggiungere la perfezione .

                                                                                     Messaggio psicografato del 4 Ottobre .





mercoledì 21 ottobre 2015

COME RAGGIUNGERE L'ALTRA SPONDA DEL GRANDE FIUME ...









In ogni avventura umana , si rende necessario conoscere e sperimentare , prima di poter compiere passi celeri e precisi .
È cosí che funziona anche il processo d'evoluzione morale .
Molte conquiste vengono precluse , a chi non s'impegni a studiare sé stesso e l'ambiente in cui vive .
Trattandosi d'emanazione con origine spirituale , impossibile da misurare in termini materiali , le sue caratteristiche sfuggono ad un'analisi esclusivamente razionale .
Si deve - perció - sapersi calare nella realtá che sfugge al controllo dei sensi e , soprattutto , ammettere la propiria ignoranza , a riguardo dei meccanismi che determinano conseguenze positive nella nostra essenza .
Aiuta saper sovvertire la logica mondana , trasformando , le mancanze altrui , in richiami diretti ad esercitare la propria iniziativa , in favore di chi possa beneficiarne .
Creandosi doveri , che nascano da necessitá di natura altruistica , si compie il passo gigantesco , che consente di ritrovarsi sull'altra sponda del grande fiume .
Da lí il paesaggio appare totalmente differente , ed anche lo scorrere delle acque assume altra dinamica .
È un cambio che richiede coraggio , intraprendenza , e pure il rifiuto di tanti modelli , imposti finora , durante la storia umana .

                                                                                 Messaggio psicografato il 5 Ottobre .





martedì 20 ottobre 2015

STRAVOLGERE L'ORDINE DEI VALORI







Alla sensibilitá umana , che si confronta con gli effetti di situazioni ch'é incapace di percepire , si presenta una visione molto distorta .
Il fiume , quando s'unisce al mare , é molto distante da dove nasce .
Chi ne risale il corso , fino alla sorgente , ne svela l'origine , ed é in grado d'influenzarne le caratteristiche .
Si consideri - ora  - che tutta la realtá ch'osserviamo , includendo la nostra apparenza , é frutto d'una specifica volontá interiore .
Si spiega cosí perché é ingiusto attribuire , ad istinti primordiali e necessitá fisiche , la responsabilitá di comportamenti , che derivano direttamente da scelte spirituali .
Affermare che egoismo e malvagitá vengano indotti da cause esterne , o da patologie esistenziali , é un modo patetico ed illusorio , di sfuggire alle proprie responsabilitá .
Rappresentano - invece - manifestazioni d'anime egoiste e cattive , che dovrebbero emendarsi al piú presto .
Anche a livello sociale ed internazionale , si continua a ricorrere all'interpretazione che la causa consegua al suo effetto , stravolgendo l'ordine dei valori , e ignorando volontariamente l'origine dei problemi .
Non stupisce - quindi - che si mantengano ancora le premesse per la diffusione e l'esercizio del male .
Quando ci si deciderá a debellarlo dalla Terra , si dovrá ammettere che la sua origine é nell'animo d'ognuno di chi lo pratica , e non in temporanee e capricciose circostanze , ch'interferiscano con le esistenze fisiche .
Ulteriori spiegazioni sono superflue .
Chi si rifiuta di capire che la carne non possiede alcuna forza per compiere ció che l'anima disdegna , dimostra , piú che ignoranza , pericolosa propensione morale .
Cerca d'assolversi , ricorrendo ad un ingiustificabile sovversione della Legge di Causa-ed-Effetto , nascondendosi dietro una goccia d'acqua .

                                                                                Comunicazione psicografata del giorno 8 d'Ottobre .





lunedì 19 ottobre 2015

LAVORIAMO CON AMORE !!!










Indossando il vestito fisico , lo spirito si compromette ad usarlo nei modi che le situazioni terrestri impongono .
Raramente puó esimersi da funzioni , ch'arrechino quell'approvigionamento necessario alla sussistenza , ed al benessere esistenziale .
Ogni attivitá umana - quindi - merita il massimo rispetto , va considerata come strumento propizio per affermare l'individualitá ed il desiderio di rendersi utili .
A tale riguardo , si pensi all'importanza della pace interiore , come lenitivo del lavoro che svolgiamo .
Chi n'é consapevole , combatte , reazioni provocate d'abusi ed ingiustizie , con relativa facilitá , e mai si lascia sopraffare dagli eventi .
Poco importa quale sia la mansione che gli venga richiesta , a che tipo di contratto s'assoggetti . Fondamentale risulta - piuttosto - la maniera impiegata nell'assolvere il proprio dovere professionale , indipendentemente dalle imposizioni a cui si deve adeguare .
Bisogna sempre credere al ruolo che s'attua , anche se , ad altri , appare banale e disprezzabile .
Dedicando Amore ad ogni compito che svolgiamo sulla Terra , inneschiamo un processo estremamente salutare , con risultati contagiosi ed illuminanti , per chiunque entri nel nostro ambiente lavorativo .
Limiti , che confinino l'uomo ad azioni , reputate di grande caratura sociale , sono dettati da orgoglio e vanitá .
Non costituiscono affatto condizionamenti plausibili in un'ottica universale .
Chi si sente sminuito , perché si vede costretto a svolgere attivitá ingrate , che richiedono molta umiltá ed abnegazione , insulta l'essenza di sé stesso , la quale - di certo - non si nutre d'apparenze né s'aspetta elogi fragorosi , in cambio dei suoi sforzi .

                                                                                 Consigli spirituali ricevuti il 2 di Ottobre .






domenica 18 ottobre 2015

LA SINFONIA DELL'AMORE ...








La melodia dei suoni celestiali non ci raggiunge il Cuore , quando lo teniamo prigioniero nel bunker dell'egoismo .
Inaridendo la fonte primaria che dispensa Amore , ci precludiamo enormi possibilitá di progresso morale .
Ogni onda musicale emessa da distanti galassie , anche se impercettibile al nostro rudimentale udito , produce un effetto altamente benefico ed armonizzatore .
Ricordiamoci che la Bontá viaggia a velocitá vertiginosa , in tutte le direzioni , e produce vibrazioni sonore d'estrema armonia e complessitá .
Per captarle , non sono richieste particolari qualitá .
Ma , per molti , tale sublime concatenazione d'energia , risulta indecifrabile , viene ignorata , passa oltre , senza lasciar traccia .
È importante enfatizzare qui che , le note provenienti dallo spazio infinito , costituiscono strumenti di comunicazione , estremamente efficaci e significativi .
Sintonizzandoci in modo da percepirle , ed utilizzarle , é - indubbiamente - un passo decisivo verso la conquista d'un maggior autocontrollo , nel contesto dell'ambiente cosmico che c'influenza .
Chi utilizza le onde della musica universale , nuota , senza paura , in un calmo mare infinito , ancor piú accogliente del grembo materno .
Per approfittare della possibilitá , si devono acuire le caratteristiche della nostra essenza , e svincolarsi dalle restrizioni mentali imposte da una cultura inadeguata .
Si raggiunge cosí l'solamento dell'anima .
Chiusi i canali che collegano alle percezioni sensoriali , l'atmosfera morale s'adatta ad un ambiente infinito , percorso da sonoritá meravigliose e motivatrici .
Ricorriamoci spesso , soprattutto quando il mondo ci si dimostra ingrato , e rifiuta d'appoggiarci .
Stabiliremo una pace interiore incontrastabile , deliziandoci al ritmo del concerto celestiale .

                                                                                       Messaggio psicografato il 1º d'Ottobre .





sabato 17 ottobre 2015

STELLE CHE NON SONO STELLE ...









La luce emessa da una stella si propaga , fino a raggiungere ogni angolo dell'Universo .
Per lei , qualsiasi barriera , é ultrepassabile ; nessuna destinazione é fuori della sua portata .
L'uomo incredulo lo considera un fenomeno soprannaturale , mentre , in realtá , é soltanto trasmissione d'energia , spiegabile in termini scientifici .
Ma , non tutto il luccichío del firmamento é alimentato da chiarore cosmico .
Molti dei puntini , che vediamo brillare nel cielo notturno . s'originano da presenze spirituali , e non da corpi siderali .
Entitá che popolano l'altra dimensione emettono frequenze vibratorie , che , dall'occhio umano , vengono recepite come fonti luminose .
Spesso se ne servono per contattare chi misconosce il loro potere , e l'influenza che possono esercitare .
Potrebbero ricorrere ad altri tipi di manifestazione visiva , piú spettacolari e mirabolanti , ma li riservano a quando si rende necessaria un'apparizione incontestabile .
Avviene , cosí , che molto raramente s'assista alla materializzazione d'entitá spirituali .
Si puó - peró - intuirne la vicinanza , notando bagliori intermittenti , la cui origine pare misteriosa .
In alcune notti estive , un cielo solcato da linee brillanti , anche se fugaci , segnala la presenza di piccoli meteoriti , ch'entrano in contatto con l'atmosfera .
Ma non s'escluda che - invece - siano testimonianze di spiriti erranti , intenti ad insinuare dubbi , in quelle menti umane refrattarie a riconoscere l'esistenza dell'altra dimensione .

                                                                              Messaggio psicografato il 7 d'Ottobre .






giovedì 15 ottobre 2015

METABOLISMO D'ENERGIE POSITIVE






È alla portata di tutti la conquista della felicitá .
Sarebbe estremamente ingiusto , se fosse preclusa a qualcuno , squilibrando totalmente il meccanismo , che permette costante evoluzione universale .
Infiniti mezzi , ed occasioni , indirizzano verso cammini , ch'elevano e conducono lontano , ma non sempre premiano immediatamente chi l'intraprende .
Se molti sogni tardano a concretizzarsi , ed il dolore prevale frequentemente , soffocando i pochi attimi di gioia , invece di disperarci , ritraendoci nella comoditá d'un comportamento egoistico , persistiamo , stringendo i denti .
Osserviamo in che modo crescono gli alberi , fedeli amici immersi nel nostro habitat terrestre .
Prima di raggiungere dimensioni , che consentano loro stabilitá e resistenza ad ogni agente avverso , passano per lunghi periodi , durante i quali subiscono aggressioni e minacce molto vilente .
Soffrono in silenzio , si vedono spesso costretti a ridimensionare fogliame ed infiorescenze , ritardando l'emissione di frutti , che segnalino l'instaurarsi della maturitá .
Per anni , lottano per la propria sopravvivenza , ingaggiandosi in battaglie contro nemici sofisticati e crudeli , che non desistono facilmente .
Anche l'uomo deve affrontare , costantemente , ostacoli durissimi , sulla strada che porta alla felicitá , non puó permettersi tregua .
Passa attraverso lunghi tempi d'assestamento , per rafforzarsi ed imparare .
In tali fasi evolutive , la felicitá é una chimera,  che non conviene perseguire .
Se raggiunta prematuramente , si rivela effimera , e sbilancia chi non sa ancora reggersi su saldi piedi .
Soltanto quando avremo , con calma e fiducia , acquisito un patrimonio morale , tale da permettere il metabolismo d'ogni vibrazione positiva , che ci raggiunga , potremo goderne appieno , ed associarci all'allegria cosmica echeggiante tra le stelle .

                                                                              Messaggio psicografato il 26 Settembre .




QUALSIASI COLLOCAZIONE È TEMPORANEA ...







Qualsiasi collocazione é temporanea ..
Costituisce solo un punto d'appoggio , necessario per catapultarsi , incessantemente , in direzione di successive basi evolutive .
Per tutti - quindi - ogni eventualitá o circostanza , é estremamente transitoria , come il suo modo di manifestarsi e d'acquistare valore .
Questa é la ragione per la quale , attaccarsi morbosamente ad aspetti esistenziali , di cui si conosce la volubilitá , denota assurditá ed incuria .
Si tenti - invece - di relegarli ad un ruolo accessorio , a cui attribuire scarsa importanza , per dedicarsi totalmente , a quei valori universali che riconosciamo come immutabili .
Con tale approccio , assecondando la voce ch'arriva dal Cuore , s'accede alla vasta pianura , dove lo sforzo di vivere risulta agevolato .
In quel luogo ideale , minime sono le costrizioni imposte dalla fragilitá umana , ed , anche un corpo ingombrante e grossolano , puó aspirare a volare .
Mentre , ogni concessione al materialismo , implica una riduzione delle opzioni di scelta , portando a seri ridimensionamenti comportamentali .
Per essere indipendenti , si devono tagliare gli ormeggi , e ridurre al minimo il bagaglio .
L'abbandono del senso di proprietá é , indubbiamente , uno strumento di grande ausilio per conseguire maggiore libertá esistenziale.
Non si creda che comporti necessariamente povertá , indigenza , parassitismo o degrado fisico .
Al contrario , fornisce inesauribili mezzi di sussistenza e prosperitá , perché rende padroni dell'intero universo , ch'é estremamente accogliente , generoso e prodigo nei confronti di chi ne rispetta le regole .

                                                                                       Messaggio psicografato del 23 Settembre .






martedì 13 ottobre 2015

LE APPARIZIONI ...








Un'entitá priva di corpo fisico puó manifestarsi in qualsiasi punto dell'Universo .
È sua prerogativa incontestabile , quella di potersi condensare in un'apparizione , visibile da chi intenda impressionare .
Il fluido , di cui lo spirito é composto , si presta facilmente ad assumere qualsiasi forma e connotato particolare .
Non ci si meravigli - quindi - apprendendo che , sulla Terra , alcune presenze d'aspetto normale , non posseggono le stesse caratteristiche di tutti gli altri abitanti .
Essendo persone senza quella materialitá , composta d'atomi e molecole , individuabili secondo metodi scientifici attuali , costituiscono una forma di miraggio , in termini popolari .
I realtá , sono emanazioni naturalissime , molto piú frequenti di quanto si creda .
È probabile che ognuno di voi , esseri dotati d'anima e corpo , abbia giá vissuto l'esperienza d'imbattersi in qualche immagine riflessa , credendo di trovarsi di fronte un suo consimile .
Infinite sono le possibilitá di materializzazione , per spiriti che ne sentano la necessitá , e la utilizzino con finalitá benigna .
Conviene qui sottolineare che non si tratta di trucchi sofisticati , o finzioni teatrali , ma di forme di contatto estremamente produttive .
Frequentemente , l'uomo diffida di chi non conosce , e ne ignora il messaggio , anche se di grande validitá morale .
Chi si trova in condizione esclusivamente spirituale , ricorre - quindi - ad impersonificazioni , per guadagnarsi la fiducia di chi ama ed intende aiutare .
Non spaventino , né suscitino stupore , tali situazioni .
Le s'accettino come fenomeni naturali e positivi , al pari degli arcobaleni o delle aurore boreali .

                                                                             Messaggio spirituale ricevuto il 30 Settembre .







IL SIGNIFICATO DELLA SOFFERENZA










L'inarrestabile progresso ideologico , ch'accompagna l'espansione universale , fino al raggiungimento dell'infinitá assoluta , consente - ora - di capire il significato della sofferenza .
Tulle le anime in miglioramento si liberano progressivamente delle proprie limitazioni , ambendo ad una totale perfezione .
Si tratta d'un processo depurativo molto lungo e complesso , al quale l'eternitá concede infinite proroghe .
Ma , ben prima che venga raggiunta la meta definitiva , successi parziali premiano ogni sforzo della volotá .
Tali traguardi intermedi , oltre a fornire motivo di legittima soddisfazione , ed incentivo alla perseveranza , concedono incremento del sollievo nella lotta contro la sofferenza .
Infatti , l'intensitá del dolore dello spirito é direttamente proporzionale al numero , ed alla gravitá , dei difetti non ancora eliminati .
In termini matematici , é corretto affermare che lo spirito caratterizzato da cento imperfezioni soffra cinque volte tanto quello rimasto solo con venti .
Per diminuire la propria pena , é - quindi - imperativo dedicarsi assiduamente ad attivitá che producano pulizia morale , e rendano piú lieve il fardello da trsportare .
Ma , non é affrontandolo a muso-duro che si debella , o rende inoffensivo , un sintomo d'inadeguatezza ed incapacitá interiore , indipendente dall'ambiente che ci circonda .
La sofferenza é una componente intrinseca alla nostra struttura morale .
Come tale - solo si puó combatterla , migliorandosi dove s'origina e manifesta , nella nostra essenza .
Con un approccio di tale natura , grandi sono le possibilitá di fuga dai dolorosi circoli viziosi , che patiamo durante le esistenze .
Impediamo loro d'innescarsi , eliminando anche quel combustibile , che conserviamo gelosamente nel nostro intimo , e ch'é costituito d'impurezze nocive , accompagnate da fantasmi del passato .
Ci vedremo - cosí - alleggeriti da gran parte delle piú inutili e devastanti sofferenze .

                                                                          Messaggio psicogrfato del 29 Settembre .







lunedì 12 ottobre 2015

LE NOTE D'UNA CHITARRA ...











La danza , ch'accompagna le note emesse da una chitarra classica , illustra perfettamente la strada che tutti siamo chiamati a percorrere .
È una sequela di movimenti discreti , occasionalmente interrotta da rigurgiti emotivi , che s'intervallano con cambi di ritmo biologico e mentale .
Pur ammettendone il valore simbolico , non concediamole la padronanza del nostro destino .
Usiamola come l'abbigliamento che ci riveste il corpo , e non interferisce nelle nostre decisioni .
Tra le molte opzioni esistenziali che ci si presentano , rarissime sono quelle di sicuro effetto benefico .
Conviene non ricercarle con ostinazione - peró .
Ci si lasci vivere , piuttosto , in modo lieve , come quando s'affida ad una musica dolce il compito di rallegrare un evento importante , di celebrare uno stato d'animo particolare .

                                                                                 Consiglio spirituale del 13 Settembre .








domenica 11 ottobre 2015

SOTTERRARSI VIVI ...









Chi non crede che il Male gli possa risiedere nel Cuore , deve inventare forze extra-umane , per giustificare la cattiveria .
Ricorre - quindi - alla superstizione , attribuendo la responsabilitá dei propri pensieri ed azioni , ad influssi negativi , provenienti da cattive compagnie spirituali .
Spesso , delega a rituali senza-senso , il potere decisionale ed il controllo delle sue attivitá terrene e metafisiche .
Cosí - inevitabilmente - lascia imputridire i preziosi frutti della Libertá .
Si comporta come chi , per sfuggire ad immaginari nemici , si sotterri vivo in un cuniculo senza uscita .
Trattandosi d'un infelice , ancora incapace d'intendere la logica evolutiva , dobbiamo averne grande compassione e rispetto .
Non seguiamone l'esempio - peró !
Consideriamo come unico potere soprannaturale l'Amore , mentre , fastidiose ma non determinanti , sono le insistenti suggestioni di piccole entitá , insoddisfatte e vendicative .
Pur non potendo negare ch'esistano , ridimensioniamone l'importanza , confinandole ad un ruolo periferico , ch'interferisca , solo minimamente , nella nostra attuazione morale .
Conflitti tra energie contrastanti non ci perturbano , se sappiamo che costituiscono fenomeni naturali , inerenti alla costruzione della realtá .
Al contrario , ci devono spronare a trovare , dentro di noi stessi , le malefiche radici da estirpare , in modo che , i semi del Bene , inizino a germinare .
Il buon giardiniere non si lamenta dell'inclemenza degli agenti atmosferici , o della presenza d'erbacce indesiderate , ne accetta le sfide con pazienza .
Si curva , per ore , dedicandosi al massimo alla coltivazione d'un ambiente , che rispecchi la sua volontá e senso artistico .
Pur sapendo ch'é impossibile ottenere risultati perfetti , non si concede tregua , né , tantomeno , ricorre mai ad alibi artificiosi , attribuendo , la colpa dei propri insuccessi , a misteriose presenze avverse .

                                                                               Messaggio psicografato il 25 Settembre .




sabato 10 ottobre 2015

RICICLARE I PROPRI ERRORI ...









Durante molte esistenze , ci siamo dedicati a costruire scale di legno prive di gradini .
Le abbiamo erette ostentatamente , osservando con ammirazione l'aspetto maestoso della loro imponente struttura .
Recentemente , abbiamo - peró - cominciato ad ammetterne l'inutilitá .
Anche se , viste in controluce , continuano ad affascinarci la vista , luccicando come fuochi-d'artificio .
Pur essendo emanazioni d'un progetto , ancora carente ed approssimativo , non si deve destinarle al rogo , cedendo all'impulso della frustrazione .
Siamo arrivati al momento di dotarle dei fondamentali pezzi mancanti , in modo ch'inizino a servirci per ascendere in verticale .
Rimettendoci all'opera , non si deve disprezzare - peró - il valore di strutture che , essendo frutto del nostro triste passato , ci sono costate tanti sforzi , lacrime e grande sofferenza .
Impieghiamo ogni forza per trasformale e completarle , sapendo che siamo a buon punto , e che - presto - la loro funzionalitá , ci ripagherá ampiamente .
La consapevolezza che , nulla danneggia chi sa riciclare i propri errori , per edificarsi di nuovo in maniera migliore , é sintomo di grande saggezza ed equilibrio morale .
Applichiamoci in tutti gli aspetti di questa , e d'ogni altra esistenza futura , soprattutto se , alla nostra scala , mancano ancora molti gradini .

                                                                Consigli spirituali del 27 Settembre .






venerdì 9 ottobre 2015

DESLOCAZIONI PLANETARIE ...



  




Di notte , quando l'atmosfera é limpida , sono migliaia i puntini luminosi che possiamo scorgere lassú .
Sappiamo che non sono decorazioni , pietre preziose incastonate nella volta celeste , per conferirle attraenti connotati estetici .
Quali aspetti di vita offrano quegl'astri , ci risulta - peró - di difficile comprensione .
Eppure , rappresentano soste intermedie , sistemate sul percorso evolutivo di qualsiasi essere .
In alcuni abbiamo giá soggiornato , altri c'attendono nel prossimo futuro .
Non é fantasioso - quindi - affermare che l'Universo é densamente popolato , e che s'espamde , per accogliere anche gli ultimi arrivati .
A tutti vengono offerte infinite opportunitá d'ubicazione , ma - spesso - si gravita a lungo in un particolare contesto planetario .
È lí che compete impegnarsi . prima d'aspirare a raggiungere mete piú accoglienti .
Si viva appieno l'esistenza laddove venga ad estrinsecarsi , senza disprezzare mai l'ambiente circostante , né le persone con le quali dobbiamo patteggiare per convivere .
La coscienza afferma che nessuno si trova fuori-posto : sulla Terra , come su qualsiasi corpo celeste , il compito é sempre lo stesso , quello di migliorarsi moralmente , di liberarsi d'ogni limitazione e difetto , che vincoli alla condizione d'infelicitá .
Indubbiamente , per raggiungere un risultato completo , é richiesto un lungo e penoso cammino , composto da moltissime tappe cosmiche .
Non si focalizzi - peró - l'attenzione su future mete , nel tentativo di sublimare le sofferenze imposte dalla condizione terrena .
S'anteponga , l'importanza del viaggio interiore , a qualsiasi anelito di deslocazione planetaria .

                                                                                            Messaggio psicografato il 21 Settembre .







giovedì 8 ottobre 2015

L'INDIPENDENZA DEL CUORE ...










Al contrario d'ogni possedimento concreto , o condizione sociale , il Cuore afferma la propria indipendenza donandosi ed aprendosi con generositá .
È l'arma piú potente a nostra disposizione , per confrontare qualsiasi difficoltá , e vincere tutte le battaglie della vita .
Lo si deve sempre ascoltare , anche quando sembra esprimersi in maniera utopica , e propone programmi complessi , difficilmente attuabili .
In realtá , sono altre componenti della nostra personalitá , ad impedire quel dialogo limpido e diretto , che il Cuore favorirebbe .
Se gli s'affidasse ruolo primario in ogni decisione od atteggiamento , non ci si ritroverebbe in ostaggio dell'egoismo , si progredirebbe con grande celeritá e sicurezza .
Spesso - invece - si delega alla mente la funzione per la quale é inadatta , incaricandola di dimostrare che non siamo fragili ed indifesi .
Allora , si corre il rischio d'autodistruggersi , inevitabilmente precludendosi ogni via d'uscita dalla sofferenza e dall'inaridimento morale .
È ignorando gli strumenti , che il Cuore mette a disposizione copiosamente , e senza restrizioni , che allontaniamo le oppportunitá piú propizie per dimostrare , a noi stessi principalmente , ma anche all'intero mondo , che siamo esseri evoluti e dotati di buon senso .
Valorizzando - invece - i meccanismi di bontá e tolleranza , ínsiti nella nostra essenza , ci riscattiamo da tante colpe , trasformando , cosí , il momento di dolore in luminosa opportunitá d'esercitare Amore .

                                                                         Consigli spirituali del 22 di Settembre .





mercoledì 7 ottobre 2015

GLI SCONTRI SONO FREQUENTI ...








Sulla Terra , pianeta in perenne subbuglio , abitato da un'accozzaglia di presenze , di diversa origine e determinazione , per evitare anche un minimo conflitto , si richiedono molta pazienza ed autocontrollo .
Ci si scontra spesso , ferendo e subendo danni , quando basterebbe spostarsi agilmente , per cedere il passo a chi lo reclama .
S'eviterebbero cosí , ulteriori , penose , conseguenze .
Chi possiede consapevolezza esistenziale , derivante da molteplici prove superate in passato , riconosce che , ogni baruffa verbale , é una sterile perdita di tempo ed energia .
A maggior ragione , rifugge da ogni atto di violenza , fisica o morale , anche se giustificato da motivazioni legali o culturali .
Ma , non é infrequente , che s'imbatta in questioni , provocate da entitá d'inferiore caratura morale , e di grande primitivitá cosmica .
Deve , allora , ricorrere ai principi custoditi nel proprio Cuore .
Ignorare provocazioni , dispensare soltanto Amore , mentre riceve affronti , insulti e palese ostilitá .
Se la sua condizione spirituale lo permette , riesce ad estinguere qualsiasi fuoco , prima che diventi incontrollabile .
Da coloro che - invece - non hanno ancora attinto tale livello evolutivo , non si puó aspettare un comportamento altrettanto saggio .
Quasi inevitabilmente , cadono in trappole , che sistemano per trascinare con sé chiunque capiti alla loro portata .
Abbiamone la massima compassione , perché agiscono in base ad impulsi derivanti da un'estrema intolleranza all'ambiente morale , a cui s'adegueranno , soltanto dopo numerosi tentativi e sofferenze .
È importante comprendere che , la fratellanza universale , s'estrinseca con buona volontá e tolleranza , e va diretta particolarmente verso chi si dimostra privo degli strumenti per apprezzarla e coltivarla .

                                                                           Messaggio spirituale ricevuto il 24 di Settembre .






martedì 6 ottobre 2015

AMICI ETERNAMENTE









Lo Spazio é eternamente percorso da incessanti vibrazioni , che s'espandono in tutte le direzioni , raggiungendo ogni essere .
Quelle con caratteristiche piú intense e produttive , provengono dall'Amore , meccanismo cosmico ubiquitario , che s'incarica d'edificare la cooperazione universale , di cui l'amicizia é manifestazione a tutti evidente ed accessibile .
Possiede notevole potere confortante , che deriva dalla condivisione d'ogni sentimento e percezione .
Strumento d'elevazione morale , di provata efficacia , aggrega in una simbiosi attiva , tutti coloro che se ne servono .
A livello terreno - peró - raramente rappresenta un valido aiuto , per chi patisce carenze affettive o sperimenta dolori atroci .
Non s'esiti - quindi - a ricorrere alla sua forma piú pura e disinteressata , quella che la spiritualitá amica offre sempre , a chi si dimostra interessato e meritevole di riceverla .
Molto maggiore di quanto si creda , o percepisca attraverso i cinque sensi , é l'apporto che amici invisibili dispensano quotidianamente , contribuendo a migliorare la vita dei loro assistiti .
Se interpellati con fiducia e convinzione , forniscono consigli , la cui funzione é , spesso , determinante per evitare la caduta nelle trappole del Male .
Si preoccupano d'illuminare la strada che porta lontano , ogni volta che rischiamo di pederci ; soffiano forte per dissipare la nebbia che , a volte , ottenebra le nostre capacitá mentali e fisiche .
Ch'impara a riconoscerne l'utilitá , e ne ricambia il sincero affetto , avvia quel cambiamento epocale , ch'é , da tempo , alla sua portata , ma che , troppo a lungo , é stato ignorato , o combattuto dai falsi amici , detentori del monopolio d'una falsa bontá , che concede loro ampio potere e lauti compensi economici .

                                                                          Consigli spirituali ricevuti il 14 di Settembre .







lunedì 5 ottobre 2015

INCONTRARSI ...









Nel contesto terreno , ogni incontro é sempre soltanto la carezza d'una piuma , ch'emerge dalla penombra e si ritrae prontamente .
Manifestazione dai connotati spesso indecifrabili , avvolge per qualche istante , senza mai scalfirci in profonditá .
È perché non possediamo i mezzi per verificare l'essenza di chi ci si para difronte .
Solo l'intuito puó soccorrere in situazioni difficili , dissipando qualche dubbio , ma , chi vi ricorre ad ogni momento , si preclude un processo di verifica estremamente formativo .
Corre il rischio di crearsi una dipendenza scarsamente salutare , perché disorienta ed ingarbuglia la mente .
S'affrontino - quindi - persone ed eventi , con la migliore disposizione , assecondando la consapevolezza che nulla puó ferirci interiormente , dato che l'anima é invulnerabile .
Al contempo - peró - non ci s'esponga in maniera indiscriminata .
Si mantenga , sempre , un margine di ragionevole prudenza e distacco , soprattutto quando s'attraversano terreni melmosi e d'aspetto mutevole .
Altrimenti , anche le trappole piú rudimentali , sortiranno l'effetto pianificato , da chi intende camuffarsi per approfittare del nostro buon cuore .
Ricordiamoci che , sulla Terra , é in voga mimetizzarsi , proiettare un'immagine che non corrisponde affatto al proprio intimo disegno .
Sappiamo ch'é nostro dovere morale concedere a tutti ampie possibilitá di rivelarsi , senza costrizioni o malintesi .
Evitiamo - quindi - qualsiasi forma di pregiudizio .
Manteniamoci coscienti - peró - che , soltanto pochissimi esseri , c'accompagneranno nel cammino esistenziale , favorendolo e beneficiando della nostra gratitudine .
Di tali eccezioni , raramente c'accorgeremo a tempo debito .
È importante , comunque , che le nostre intenzioni contemplino sempre cautela e buon senso , in modo che nessuno venga pregiudicato , né dalla delusione , né dall'inganno .

                                                                                      Consigli spirituali ricevuti il 20 Settembre .






                                                                                   

                                                                           

domenica 4 ottobre 2015

DISCREPANZA EVOLUTIVA ...








All'evoluzione del pianeta Terra , corrisponde il progresso morale dei suoi abitanti : cosí stabiliscono leggi universali , che non contemplano capricci , contrattempi o manifestazioni inopportune .
Non sempre - peró - questi due processi sono interdipendenti e sincronizzati .
Quando si verifica , tale discrepanza , porta a gravi squilibri , snatura il rapporto tra l'uomo ed il suo ambiente di residenza .
È ció che sta avvenendo nell'epoca attuale , ch'é caratterizzata da grande turbolenza ed instabilitá .
Gran parte della depurazione geologica é giá stata compiuta , instaurando fattori idonei al miglioramento dell'esistenza biologica e sociale .
Ma , recalcitrante , il popolo terrestre compie scarsi avanzamenti morali , permane in uno stato d'incertezza e conflittualitá .
Si comporta , spesso , in modo contraddittorio , vanificando le buone intenzioni di molti , ed esaltando la malvagitá d'una minoranza vociferante .
Chiunque puó individuare indizi , che testimonino che il processo di crescita dell'umanitá é molto lento e laborioso , apparentemente tardivo , rispetto a quello del pianeta dove sta avvenendo .
Nessuno deve dubitare - peró - dell'esistenza d'un progetto perfetto , che porterá a risultati prestabiliti , in tempi convenienti .
Come dimostra l'avvicendarsi della maturazione di frutti differenti , a seconda delle stagioni .
La Terra fu creata esclusivamente per consentirci di migliorare , nel corso di millenni .
Ha giá subito violente aggressioni e squilibri , che hanno alterato l'aspetto e la disposizione di molti suoi elementi .
Ora , attende pazientemente , da noi , manifestazioni d'adeguamento morale , che portino all'armonia ed al riequilibrio , nell'interesse d'ogni forma di vita , ch'é parte imprescindibile del Tutto a cui siamo diretti .

                                                                             Messaggio psicografato il 19 Settembre .






sabato 3 ottobre 2015

PROTAGONISTI DEL NOSTRO DESTINO !










Per diventare autori del destino e padroni del futuro , é richiesto enorme impegno .
Ci si deve esporre a dolori e contrarietá , con grande forza interiore ed elevazione morale , senza mai delegare , a nessun'altro , il comando delle proprie decisioni , e la prerogativa d'adattarle alle circostanze .
Aiuta costruirsi aspettative edificanti , ed anche convinzioni motivatrici .
Coloro che assumono le responsabilitá che l'esistenza comporta , possiedono la consapevolezza , che permette di superare qualsiasi montagna .
Si puó affermare che difficilmente perderanno l'orientamento , muovendosi in direzione delle stelle .
Non si credano - peró - in possesso di qualitá superiori , e , soprattutto , s'astengano dall'assumere atteggiamenti da protagonisti .
Ricordino che l'orgoglio é un elemento disturbatore di grande influenza , e , come una zavorra pesantissima , annulla anche la migliore delle intenzioni .
Di fronte ad un fratello in difficoltá , non é facendogli notare le possibili cause della sua infelice condizione , che lo s'aiuta a progredire .
Al contrario , si rischia di deprimerne ogni sforzo riabilitante , e d'affossarlo psicologicamente .
Chi é ispirato dall'Amore - invece - sottolinea l'aleatorietá dell'esistenza , e fornisce soltanto strumenti consoni alla gravitá della situazione , riservando l'uso di mezzi piú intellettualmente sofisticati , a bisognosi che li richiedano espressamente .
L'aiuto piú appropriato é quello offerto con umiltá e disinteresse , ed anche con il massimo rispetto , per la dignitá di colui al quale é destinato .
S'apprenda , allora , a corrispondere ai bisogni del mondo , con pensieri e azioni adeguate , evitando di strafare , o di credersi i salvatori inviati dal creatore supremo .
Anche chi si dedica soltanto al bene e si dona totalmente , svolge un compito infimo , se misurato in termini universali .
Non puó - quindi - inorgorglirsi di sé stesso , né guardare nessuno dall'alto in basso .
Ma attinge grande merito , se riesce a mantenersi efficiente con umiltá ed abnegazione .
In tal caso , tutte le sofferenze altrui che allevia , gli saranno risparmiate nel suo futuro .
È questo l'unico modo di rendersi protagonisti del proprio destino .

                                                                                   Consigli spirituali ricevuti il 16 Settembre .