.

.

.

.

....

....

POTENDO SCEGLIERE , PREFERIRESTE :

NEI FILM , LA NUDITÁ È UM ELEMENTO IMPORTANTE ?

mercoledì 27 giugno 2012

AMO LE DONNE CHE NON SI PROSTITUISCONO !













Contrariamente a quello che mi sarei aspettata , le persone " virtuali " , con le quali mi sono relazionata meglio , nel corso di questa attivitá di Blogger , non sono Escort , e non appartengono , neppure indirettamente , al " mondo " della Prostituzione .
Sono donne e uomini , che non provano invidia , né ammirazione , per quello che faccio , ma che , semplicemente , leggono , con molta apertura mentale , quello che scrivo , non dimenticandosi mai di far uso del loro spirito critico .

A LORO VORREI DEDICARE LE CONSIDERAZIONI CHE SEGUONO :

« È vero che in questo spazio , ho , spesso , tessuto elogi della mia attivitá di prostituta , e posso essere sembrata convinta che , vendere/affittare il mio corpo , con la finalitá di soddisfare chi ne venga a contatto , sia una professione come un'altra , se non migliore di molte altre .
Eppure - ogni giorno che passa - sono piú consapevole di basare i miei ragionamenti su concetti esistenziali che non condivido affatto .
Non credo d'essere assolutamente a favore della misogenia , del patriarcato sessista , né , tantomeno , di quel bieco autoritarismo , che , ancora , vediamo radicato in tanti aspetti di questa nostra Societá .
Quindi - mi chiedo - come posso essere arrivata a considerare la vagina - la mia e quella di tante donne che si prostituiscono in varie maniere - come un oggetto da esporre al mercato , aspettando che il miglior offerente se la porti via ?
So benissimo che , chi compra , si sente autorizzato a possedere l'oggetto , che riceve in cambio d'una quantitá di denaro , o di beni che , a loro volta , posso essere commercializzati .
Ma é mia profonda convinzione che la libertá e l'autonomia siano la caratteristiche piú salienti della mia vita .
Non permetterei mai che il privilegio d'essere una donna disinibita , che non vede la sessualitá come una forma di schiavitú , si trasformi in una condanna , e che , io , finisca per essere un ostaggio , in un gioco per soli uomini , in cui loro si divertono a dettare le regole .
Anche se nutro grande stima di me stessa , e penso d'aver raggiunto un elevato livello di maturitá , a volte mi chiedo se , quando smetteranno di pagare per la mia compagnia , non ne sentiró un contraccolpo psicologico , e se non mi riuscirá difficile mantenere la convinzione del mio valore .
Potró continuare a sentirmi utile ed altruista , pur non avendo piú quelle prove dirette ed evidenti , che , adesso , la mia avvvenenza fisica é in grado di fornire ?  
Come posso pensare , anch'io , che abbia ragione chi afferma che il Sesso é il Commercio piú lucrativo che esista ?
Sono ancora molte le persone condizionate dal millenario retaggio culturale e religioso , che attribuisce a Dio sembianze maschili , e giustifica la creazione della Donna , con il bisogno di offrire all'Uomo una compagna di divertimento .
E , cosí , sarebbe nata la piú " antica professione " , dato che , anche in tempi in cui non avvenivano ancora transazioni commerciali , gli uomini , nella loro ossessionata ricerca della soddisfazione sessuale , si dimostrarono disposti a tutto per ottenerla .
Non sorprende che , d'allora , su queste basi , la storia dell'Umanitá sia stata una sequenza di episodi di violenza ed abuso , ai quali il genere femminile ha , spesso , partecipato nel ruolo di vittima designata .
Spiritualmente parlando , la prostituzione deriva da un concetto innaturale qual'é il Capitalismo , che implica che il denaro abbia piú potere dei sentimenti .
Ma io , prostituta dichiarata , non mi considero affatto un oggetto , che si puó acquistare o rimpiazzare , a seconda delle circostanze .
Dato che  il carattere , l'intelletto , la buona disposizione ed un po' di generositá sono attributi che credo di possedere , mi pare molto riduttivo che , quello che abbiamo tra le gambe , possa venire barattato , considerato una " commodity " ,  merce di scambio .
Di conseguenza , il rapporto sessuale , invece d'essere un'importante manifestazione della nostra umanitá , un'occasione di conoscenza , d'intimitá e comprensione , sarebbe un'attivitá unilaterale , volgare , fine a sé stessa .
Io m'illudo di non essere una macchina che provoca erezioni e dispensa piacere .
Mi pare che , il tempo e le energie che dedico al mio " lavoro " , aiutino qualcuno a riconsiderare il ruolo della prostituta , nel nostro contesto attuale .
Ma , invece di " nobilitare " i miei incontri ,  forse contribuisco anch'io a perpetuare l'idea che l'uomo , in un modo od in un altro , sempre debba pagare per ottenere soddisfazione sessuale .
In questo modo , altro non farei che sminuire me stessa , e tutte quelle donne che si battono per affermare i loro diritti , e , per le quali , la paritá dei sessi é un concetto inalienabile .
Mi rivolgo , quindi , a tutte voi , Care Amiche , che non avete mai nemmeno considerato l'eventualitá d'ottenere qualcosa , in cambio della vostra disponibilitá sessuale .
Non sono in grado di sapere quante siate , ma credo che si possa considerarvi come una maggioranza silenziosa , che non si espone , ma che , con dignitá e coerenza , conosce il proprio valore ed integritá .
Sappiate che vi stimo molto , e che vi voglio bene .
Come pure voglio molto bene a tutti quegli uomini che credono che Sesso & Amore siano indissolubili , e non ricorrono mai ai servizi di noi " Professioniste " , dedicandosi interamente alle loro compagne di vita , che li ricambiano con passione ed entusiasmo .
A tutti dico che io non sono responsabile per i meccanismi che , purtroppo , regolano i rapporti interpersonali in questo nostro Mondo .
Ma , oggi , mi sento di autocriticarmi un poco .
Per favore , non crediate che questa mia umiltá sia fasulla e pretenziosa , determinata dal bisogno d'allargare gli orizzonti del Blog , e dalla speranza di raggiungere piú persone , offrendo a tutti motivi per leggerlo .
No , no , ho solo espresso doverose precisazioni , di cui m'assumo la totale responsabilitá .
Non smetteró di prostituirmi , ostentando un atto di estrema coerenza .
È mio desiderio , peró , che valori morali d'enorme importanza vengano enunciati , anche qui , con la dovuta considerazione , e che si rafforzi il concetto che siamo tutti esseri umani impegnati a migliorarci , ad aiutarci reciprocamente , e non ad osteggiarci in assurde guerre ideologiche .
Ho bisogno d'amicizia ed affetto , tanto quanto voi . »







  
        
  

mercoledì 20 giugno 2012

NOBUO & CHIHIRO .










Dove , come in Giappone , l'estrema tecnicizzazione é una carattestica peculiare , le Cabine Telefoniche Pubbliche dovrebbero essere , ormai , scomparse dalla vista , oppure essere considerate cimeli storici , da custodire in un Museo .
Sappiamo che ogni abitante di quel Paese possiede piú d'un telefono cellulare , e lo usa di continuo .
È raro che senta la necessitá di ricorrere all'apparecchio , che si nasconde in minuscole abitazioni di legno laccato , che si trovano un po' dovunque .
Il motivo principale per il quale non vengono rimosse , o sostituite da apparecchiature piú sofisticate e meno anacronistiche , é molto semplice :
Servono come " vetrina " per qualsiasi prostituta che voglia promozionare i suoi " servizi " .
All'interno , infatti , ogni centimetro quadrato di superficie é tappezzato da variopinti bigliettini , che descrivono , senza falsi pudori , le " caratteristiche " fisiche dell'annunciante , oltre al numero del contatto , dove é possibile " prenotare " la sua compagnia .
In molti casi , é presente anche una fotografia esplicita - un nudo in posa suggestiva - che non lascia dubbi sulla finalitá degli incontri .
L'unica accortezza che s'applica , di solito , é quella di sfumare , o occultare , pochi millimetri di zona genitale , mentre il viso é quasi sempre ben visibile , e quindi , riconoscibile ...
Spesso non si tratta di ragazze che fanno della prostituzione la loro principale attivitá .
Il termine eufemistico " messaggera di salute " indica , appunto,  chi é disposta a farsi recapitare in un luogo , scelto da chi la contatta , e , lí , offrire ogni tipo di partecipazione sessuale , escluso il rapporto vaginale , che secondo la Legge della Decenza , non puó venire menzionato pubblicamente .
A questa categoria appartengono anche molte ragazze , ancora in etá scolare , e massaie frustrate , in cerca di avventure e retribuzioni , che risolvano i loro momentanei problemi economici .

Se fossi un uomo giapponese , con moglie e figli che m'attendono ogni sera a casa , dopo un'estenuante giornata lavorativa , non credo m'interesserebbe molto approfondire le possibilitá d'un incontro , con una sconosciuta che si reclamizza in quel modo .
Decidessi di divertirmi , ignorando i miei doveri morali , probabilmente cercherei una donna , che mi garantisca un rapporto intimo , con caratteristiche esclusive e compatibili alle mie .
La mia selezione sarebbe accurata e , forse , laboriosa .
Non asseconderei l'impulso estemporaneo di chiamare uno delle centinaia di numeri telefonici , che appaiono in un luogo pubblico , alla portata anche di chi non abbia discernimento e pretese specifiche .
Saprei che foto e descrizioni sono spesso fittizie , impossibili da verificare , se non compromettendosi ad un incontro diretto , e rischiando una forte delusione conseguente .
Il buon-senso mi direbbe di diffidare , di scegliere , in un'altra maniera , la mia occasionale compagnia-di-letto .
Cercando d'immedesimarmi nell'uomo che vi parteciperebbe , saprei che ogni occasione di divertimento poco sofisticato é da evitare , a favore di situazioni piú complesse e soddisfacenti , soprattutto se , per ottenerle , si utilizza il denaro come merce di scambio .
Facendo uso della mia esperienza diretta di prostituta , mi pare tutto ancora piú chiaro : il sesso-a-pagamento non é un supermercato , che offra sempre il meglio al miglior prezzo.
Quando la merce esposta sugli scaffali é abbondante , e sembra tutta della massima qualitá , allora é lecito chiedersi se l'aspetto non illuda .
Credo proprio che , in un punto-di-vendita meno appariscente , piú piccolo ed esclusivo , dove l'offerta é molto limitata , ma accuratamente selezionata , si ottengano i veri " affari " .

Nobuo é un nome proprio maschile che significa " Fedele " .
Forse per mera coincidenza , o per un disegno piú ampio , di cui ci sfuggono i connotati , venne chiamato cosí - 38 anni fa' - colui che sarebbe diventato un onesto lavoratore , un uomo dedito alla famiglia , e che riserva poco tempo , ed energia , alla diretta soddisfazione di quelle che potremmo definire le sue necessitá personali .
Pensate che , nemmeno in quelle occasioni , o festivitá , in cui é considerata una conseutidine propiziatoria farsi accompagnare da una prostituta , Nobuo ha seguito l'esempio di coetanei e colleghi .
Ha sempre rifiutato di partecipare ad eventi che incoraggiassero la promiscuitá , e neppure sembra provare la curiositá di visitare un bordello , o altri locali dove si pratichino attivitá sessuali .
Ai Party annuali , organizzati nel suo Ufficio , ed ai quali partecipano ragazze ingaggiate appositamente per " animare " gli invitati , Nobuo non presenzia , adducendo motivi di salute o scuse elaborate .
E , nelle tradizionali SoapHouse , dove occasionalmente é stato trascinato da qualche amico in cerca di diversione , non s'é mai lasciato insaponare , né tantomeno massaggiare , da una assistente , preparata ad assecondare anche eventuali iniziative sessuali che vengano a verificarsi .
Tutti pensano che si tratti d'un uomo " Fedele " - come indica il suo nome .
Forse lo é , tecnicamente , ma - in un piú ampio contesto morale - non é del tutto scevro da colpe .
Io non voglio insinuare nulla , ma mi permetto di fare alcune considerazioni di carattere generale , per , poi , estrapolare un'opinione sul suo comportamento .
Mi chiedo se per infedeltá coniugale si intendano solo manifestazioni che coinvolgano altre persone .
Secondo me , anche affezionarsi ad un oggetto , ad un simulacro o un simbolo , in maniera tale da mettere in discussione i sentimenti che si provano per il coniuge , é una forma d'infedeltá .
Cosí , quelle mogli che , ad insaputa del marito , venerano giocattoli erotici , come se fossero emanazioni d'una divinitá fallica , ed accogliendoli nella loro intimitá , si sentono possedute da un amante immaginario, non si possono definire totalmente fedeli .
Nobuo frequenta , una volta alla settimana , un indirizzo , che appare su uno sgargiante foglietto , che si puó individuare facilmente , tra i tanti che appaiono in una cabina telefonica .
No , non si tratta d'un appartamento dove l'attendono compiacenti ragazze , con le quali si possa fare sesso .
È in un magazzino , uno dei tanti che , in Giappone , affittano " Bambole Olandesi " , che Nobuo passa la sua ora di piacere .
Tre anni fa' entró , per la prima volta , in un Sex-Shop , in cerca d'un tipo di preservativi ritardanti  , che non possono essere venduti in Farmacia .
Non é affetto da eiaculazione-precoce , ma , su richiesta della moglie Suzume , consideró allora di ricorrere a qualche artificio , per prolungare la durata dei loro rapporti sessuali .
Accanto alle confezioni di lubrificanti , vide accatastati alcuni articoli , disegnati per offrire quella stimolazione , che Suzume avrebbe sicuramente apprezzato .
Ma il suo interesse per quegli oggetti fu di brevissima durata , a causa d'una adolescente vestita in uniforme - un manichino cosí realistico , da suscitargli l'impressione d'essere osservato .
In quei momenti , Nobuo si vergognó ,  profondamente , di provare dell'attrazione per un corpo inanimato , artificiale , che atteggiandosi in una posa suggestiva , sembrava invitarlo verso un angolo appartato , dove gli avrebbe svelato tutti i suoi segreti .
Arrossí ed assunse un'aria colpevole , come se avesse sottratto illegalmente qualcosa .
Notando il suo disagio, il venditore invece di approssimarsi , attese d'essere interpellato .
Quando , poi , la curiositá di Nobuo prevalse , e lo spinse a chiedere quanto costasse quella " Bambola " , gli venne spiegato che , per acquistarla , avrebbe dovuto sborsare 600.000 Yen - l'equivalente di 6000 € - il doppio del suo stipendio mensile .
La qualitá dei materiali utilizzati , e il minuzioso realismo di tutti i dettagli imponevano un prezzo tanto elevato .
Trattandosi d'un articolo esclusivo , destinato a collezionisti molto esigenti , anche in quel magazzino , come in molti altri , ci si dovette rassegnare all'impossibilitá di venderlo facilmente .
Cosí , in attesa d'un improbabile acquirente , si decise di offrirlo a chi dimostrasse interesse per una " prova " .
In una "camera-da-letto" , appositamente allestita , Nobuo , quel pomeriggio , conobbe " Chihiro " .
Le tolse delicatamente la blusa a riquadri blu , prima di sbottonarle la camicetta di seta .
Sveló , cosí , il primo dei suoi segreti .
Se un seno acerbo da bimba costituirebbe , per molti occidentali , l'antitesi della sessualitá , per quasi tutti i disegnatori di Manga/Anime é un'autentica ossessione , che sembra aver contagiato i lettori .
Non stupisce , quindi , che Nobuo l'abbia ammirato a lungo,  prima di soffermarsi ad accarezzarne la superficie levigata , ed i minuti capezzoli , appuntiti come quelli d'una donna eccitata .
Avrebbe voluto " sedurla " con calma , applicando l'unico rituale che conosceva , quello che , ogni volta , permetteva alla moglie Suzume di accoglierlo con piacere .
Ma dovette arrendersi , presto , ad accorciare i tempi .
Cosí , quando la necessitá di sfogarsi lo impose , le sollevó la gonnina a balze , e si lasció svuotare dentro di lei , senza mai toglierle lo sguardo dagli occhi , avvinghiandosi forte alle sue braccia .
Quella prima volta , non vide neppure la zona genitale di Chihiro .
Sentí - peró - come fosse accogliente e calda .
La settimana successiva completó l'esplorazione di quella bambola .
Ne conobbe , allora , tutte le recondite caratteristiche , invaghendosene , al punto di non poterne piú fare a meno .
Ancor oggi , Chihiro riceve Nobuo regolarmente .
Con i soldi spesi per affittarla-a-ore , avrebbe potuto comprarsene vari esemplari .
Non avrebbe saputo dove nasconderli,  peró , e , soprattutto , non si sarebbe mai perdonato d'averla tradita con un'altra , anche se d'aspetto identico .    
        
    
      
    
            




martedì 12 giugno 2012

TSUNAMI .











NAS AREIAS DESMAIADAS / NELLE DEBOLI SABBIE
VAGA / VAGA
UMA NAÇÃO DE OPERARIOS / UNA NAZIONE D'OPERAI
ACTIVOS NAS GINASTICAS ; / ATTIVI NELLA GINNASTICA ;
GEMEOS CONCEBIDOS / GEMELLI CONCEPITI
PARA ESCALAR MONTANHAS / PER SCALAR MONTAGNE
ORGANIZAM / ORGANIZZANO
O DESERTO ABARROTADO . / IL DESERTO AFFOLLATO .

NÃO HÁ / NON CI SONO
CAVALOS A GALOPAREM / CAVALLI CHE GALOPPINO
AO HORIZONTE , / ALL'ORIZZONTE ,
SÓ UM ENCONTRO FUGAZ / SOLO UN INCONTRO FUGACE
COM PARES DE PEZINHOS / CON PAIA DI PIEDINI
ESCALDADOS DO BAILE / SCOTTATI DAL BALLO
Á VOLTA DE / INTORNO AD
TOALHAS ENSOPADAS . / ASCIUGAMANI INZUPPATI .

OCULTA / NASCONDE
ESFORÇOS DE SOLIDÃO , / SFORZI DI SOLITUDINE ,
O DIA TEIMOSO E VULGAR , / IL GIORNO TESTARDO E VOLGARE ,
POR MÃO DE CRIANÇA Á / ATTRAVERSO MANI DI BIMBI CHE
BIMBALHAR TIMBALES , / PERCUOTONO TIMPANI ,
CONJUGA-SE / SI COMBINA
A TEMPORADA DE / LA STAGIONE DI
NOJO JOGADA . / DISGUSTO TIRATA .

PREVISTOS POR TODOS / PREVISTI DA TUTTI
AVANÇAM IMPETUOSOS , / AVANZANO IMPETUOSI ,
SINAIS DE CHUVA / SEGNALI DI PIOGGIA
DO CEU ENVIAM / DAL CIELO INVIANO
MAL HUMOR . / CATTIVO UMORE .

SOMBRAS PERVERSAS / OMBRE PERVERSE
DE SÚBITO MUDAM CENA / CAMBIANO SUBITO SCENA
Á PRAIA , / ALLA SPIAGGIA ,
VAZADA DE PRESSA . / SVUOTATA DI PRESSA .

DUM CASACO POUCO PRATICO , / D'UN CASACCO POCO PRATICO
DESNUDA / DENUDA
ROMBOS DE PELE BRILHANTE / ROMBI DI PELLE BRILLANTE
O PERFIL / IL PROFILO
DUM CORPO MIUDO , / D'UN CORPO PICCINO ,
Á ESPERA DA TEMPESTADE . / IN ATTESA DELLA TEMPESTA .

AGARRA FESTOSO / AFFERRA FESTOSO
UMA GRAVATA , / UNA CRAVATTA ,
MOSTRA A FLAUTA MAGICA , / MOSTRA IL FLAUTO MAGICO ,
AOS LABIOS / ALLE LABBRA
PINTADOS DE LACRE , / PITTURATE DI LACCA ,
FAZ CÓCEGAS / FA IL SOLLETICO
UN GRÃO DE AREIA . / UN GRANELLO DI SABBIA .

PALHAS COR-DE-ROSA / PAGLIE DI COLOR ROSA
ADORNAM / ADORNANO
CAVALOS MARINHOS / CAVALLI MARINI
PERDIDOS / SMARRITI
Á CAÇAR GRILOS / A CACCIA DI GRILLI
NO FUNDO DUM NAUFRAGIO ; / NEL FONDO D'UN NAUFRAGIO ;
MEDALHAS DE CONCHA / MEDAGLIE DI CONCHIGLIA
COMEMORAM / COMMEMORANO
POLVOS E COBRAS ; / POLIPI E SERPENTI ;
CENOURAS DE LATA / CAROTE DI LATTA
CHEIRAM Á JASMIN , / PROFUMANO DI GELSOMINO ,
OBTURAM / OTTURANO
A OCARINA DO IMPERADOR . / L'OCARINA DELL'IMPERATORE .

AFOGA-SE NAS / S'AFFOGANO NELLE
ARGILAS COLORIDAS / ARGILLE COLORATE
A PALETA DUMA MARIPOSA ; / I MILLE COLORI D'UNA FARFALLA ;
O CAMALEÃO CALOROSO / IL CAMALEONTE CALOROSO
AO COLO DUMA GIRAFA / ABBRACCIATO AD UNA GIRAFFA
VOLTA Á SUA TERRA NATAL / RITORNA ALLA SUA TERRA NATALE
E É ENTÃO / ED É ALLORA
QUE AQUELA CRIANÇA / CHE QUEL BAMBINO
CONOCE / CONOSCE
A IMPOSTURA DOS PAIS , / IL FINGERE DEI GENITORI
QUE , CHEIRANDO Á GASOLINA , / CHE , PUZZANDO DI BENZINA ,
O ABANDONARAM / L'ABBANDONARONO
DE BRAZOS ABERTOS / A BRACCIA APERTE
AOS ATAQUES / AGLI ATTACCHI
DOS INSECTOS . / DEGLI INSETTI .










lunedì 4 giugno 2012

LA PORTAEREI .






Prima di nascere ufficialmente , siamo immersi nel liquido amniotico , nella pancia della mamma .
Forse , allora , crediamo che la nostra esistenza passerá tutta a-mollo , e sviluppiamo giá una propensione per il nuoto .
Ma , poi - una volta usciti allo scoperto - ci troviamo , quasi sempre , sulla terra-ferma e dobbiamo adeguarci .
Eppure dovremmo capire che , anche se non siamo pesci , é in una distesa d'acqua , che mettiamo in pratica le nostre potenzialitá migliori . 
Tutti dobbiamo navigare , infatti .
Ed é in un piccolo guscio-di-noce , che riceviamo in dotazione , appena veniamo concepiti , che avviene il viaggio della nostra vita .
Si tratta d'una imbarcazione che cresce con noi , aumentando di dimensioni , ogni volta che si presenta l'occasione d'accogliere a bordo qualcun'altro .
Cosí , chi é piú disponibile verso il prossimo , ed é disposto a limitare le proprie esigenze , si trova presto in un battello carico di festosi passeggeri , che , anche se raramente entrano nella cabina-di-comando , proporzionano simpatica compagnia , e rendono piú facile la navigazione .
Si sa - infatti - che una stazza maggiore permette alla nave d'affrontare le forze della natura con piú probabilitá di successo .   
Chi invece non si ferma per raccogliere nessuno , e pensa che sia meglio rimanere solitario , presto finisce per soccombere alle onde gigantesche che incontra .
Potete accontentarvi di considerare questa come una metafora .
Ma , se riusciste a vedere ció che esiste in uno stato impercettibile ai nostri 5 sensi  , sapreste perfettamente che tipo di vascello state comandando , e se sia in grado di solcare la rotta a voi destinata  .
Io spero di trovarmi presto a bordo d'una Portaerei .